La prima casa galleggiante ecosostenibile

La prima casa galleggiante ecosostenibile

Preservare il nostro pianeta è una delle più grandi sfide che ci si pongono davanti per il futuro. Negli ultimi anni la sensibilizzazione in tal senso ha fatto passi da gigante, tanto da ispirare la realizzazione di idee orientate all’ecologia: edifici, uffici e addirittura musei ecosostenibili.

In questo filone, si inserisce WaterNest 100, un’abitazione ideata dall’architetto romano Giancarlo Zema per EcoFloLife. Come avrai capito dall’immagine, bisogna dire innanzitutto che è galleggiante. Questo perché l’idea di non piantarla al terreno parte dall’assunto di non sottrarre altri spazi verdi al nostro pianeta.

Inoltre, bisogna precisare che è realizzata con materiali eco-friendly. Quasi ogni singolo dettaglio, la maggior parte in cartone alveolare, dei suoi 100 metri quadrati è infatti realizzato con materiali riciclati e riciclabili.

Senza dimenticare che l’abitazione futuristica, in legno lamellare e allumino riciclato, è totalmente autosufficiente. Non solo sul tetto sono stati installati dei pannelli fotovoltaici, ma è stato installato un sistema di ventilazione interna che non ha nulla da invidiare all’aria condizionata.

L’idea di fondo quindi è di cercare col tempo a realizzare sempre meno case piantate nel terreno, lasciando spazio ad abitazioni che coabitino con l’ambiente circostante, interagendovi. Insomma, “in completa armonia con la natura” come aveva detto qualche tempo fa lo stesso Giancarlo Zema, parlando della prima abitazione realizzata di questo tipo.

Immagine via Youtube