La casa che sfrutta l'energia delle onde

La casa che sfrutta l'energia delle onde

Questa è molto più di una semplice casa: è un capolavoro di ingegneria edile, una centrale elettrica.

Progettata dall’architetta londinese Margot Krasojevic, si chiama Hydroelectric Tidal House.

L’intento era quello di costruire una casa in grado di sfruttare il movimento costante e potente delle onde delle maree per produrre energia.

E a vedere da vicino il progetto sembra davvero possibile.

L’edificio è strutturato in due gusci, uno esterno e uno interno.

Quello esterno è in cemento e ha il compito di mantenere la casa stabile, bloccandola alla roccia. Nella parte superiore ci sono pannelli per sfruttare anche l’energia solare.

Questo guscio ha una sezione porosa che permette all’acqua della marea di passarci attraverso e massimizzare così l’energia delle onde.

La parte interna è realizzata in alluminio e raccoglie al suo interno l’acqua. La calotta è mobile e si muove allo stesso ritmo del flusso e del riflusso delle maree.

La casa dispone inoltre di un sistema di turbine che, come quelle eoliche, comprime l’aria e crea corrente elettrica.

Margot è da sempre un’accanita sostenitrice delle energie rinnovabili.

Le maree sono più prevedibili dell’energia solare e di quella eolica. È più semplice trovare un luogo adeguato per sfruttare questa fonte di energia rinnovabile.”

Immagine via YouTube