Le incredibili case di bambù di Bali

Le incredibili case di bambù di Bali

Una casa così è difficile anche soltanto da sognare.

Elora Hardy, designer americana che dopo aver lasciato un lavoro nel campo della moda a New York e una carriera di sicuro successo ha deciso di trasferirsi a Bali, un’isola dell’Indonesia, ha progettato e costruito le sue case di bambù.

Il padre di Elora, già da qualche anno residente a Bali, aveva iniziato a fantasticare sull’utilizzo del legno di bambù nelle costruzioni. Ma immaginava che prima di utilizzarlo concretamente sarebbe trascorso molto tempo.

Di bambù la zona era piena e sarebbe stato un sogno utilizzare quel materiale rinnovabile per costruire scuole, case, ristoranti per la comunità.

Elora, colpita dalla promessa che il padre aveva fatto ai suoi ragazzi, ha deciso di raggiungerlo e di progettare concretamente la costruzione di abitazioni in legno di bambù.

Forte, resistente ai terremoti, flessibile, leggero e soprattutto abbondante in tutta l’isola. La crescita di un bambù è inoltre rapidissima, alzandosi di un metro ogni pochi giorni.

Prima delle case di Elora, per migliaia di anni il bambù era stato usato per la costruzioni di piccole abitazioni, di ponti, ma la durata di queste costruzioni era stata molto breve poiché il bambù era preda di insetti che si nutrivano del legno dall’interno e lo polverizzavano in poco tempo.

Grazie ai suoi studi Elora è riuscita a trovare il modo di risolvere questo problema, lavorando il legno con i sali di boro che lo rendono indistruttibile.

bambù1

Trasportare e lavorare fusti di bambù di 20 metri non è stato difficile, grazie alla straordinaria leggerezza del materiale e alla sua flessibilità.

E così insieme a un team di designer, architetti e artisti Elora ha messo su la sua ditta di costruzioni, edificando scuole, case e ristoranti, rispettando la promessa che anni prima il padre aveva fatto ai ragazzi di Bali.

bambù3