Come nasce l'ansia e quali sono i rimedi per gestirla

Come nasce l'ansia e quali sono i rimedi per gestirla

C’è un momento, per tutti, in cui siamo preda dell’ansia: può capitare prima di un esame, o di un colloquio di lavoro. È un’ansia normale, circoscritta nel tempo, che sappiamo essere generata da quella particolare situazione. 

Ci sono altre volte però, che durano più tempo, in cui l’ansia sembra perseguitarci anche quando le circostanze non lo richiederebbero. Questo stato mentale (e fisico, come vedremo) compromette il nostro umore e la qualità della vita.

L’ansia cambia la nostra percezione della realtà, in un video abbiamo anche visto come cambia la nostra percezione di una città in preda all’ansiaQuasi 7 milioni di persone soffrono di questo disturbo generalizzato: esperito tutti giorni o quasi, per almeno sei mesi.

Le cause dell’ansia

L’ansia ovviamente include anche i disturbi legati al sonno, l’irritabilità e la tensione muscolare. Il campo di ricerca non è stato ancora studiato totalmente; la medicina sa che sono diverse le cause dell’ansia. Nel video prodotto dal canale AsapSCIENCE intitolato “Why Are You Anxious?”, con i sottotitoli in italiano, ne vengono spiegate alcune.

Questo disturbo è parzialmente causato dall’amigdala e dall’ipotalamo, che controllano la circolazione del cortisolo (lo stesso che dopo un evento eccitante ci fa sentire vuoti) e dell’adrenalinaLa sua trasmissione sarebbe in parte legata alla genetica (il 40% delle persone che soffrono di un disturbo d’ansia ha un parente affetto dal medesimo disturbo); e in parte all’ambiente, come nel caso di esperienze traumatiche dell’infanzia.

Anche le variazioni dei livelli di neurotrasmettitori come il GABA, la serotonina e la dopamina possono esserne la causa. La serotonina è responsabile della sensazione di felicità, e si muove da un neurone all’altro attraverso “un varco” chiamato sinapsi. La serotonina inutilizzata però torna al neurone originario attraverso un trasportatore speciale. Le persone che soffrono di ansia (o di altri disturbi ossessivo-compulsivi), hanno una mutazione di questo trasportatore che genera una maggiore quantità di serotonina che torna prima che abbia avuto la possibilità di passare al neurone ricevente con la conseguenza che diminuisce la quantità di sinapsi e colpisce le nostre emozioni.

In altri casi ancora sono l’amigdala e la sostanza grigia periacqueduttale che con la loro iperattività ci rendono ansiosi. Anche le fobie rientrano tra i disturbi d’ansia, come anche le mail che ci mettono in questo stato.

I rimedi per gestire meglio l’ansia di tutti i giorni

Curare l’ansia generalizzata non è semplice, non basta dirsi di “calmarsi” o “farsela scivolare via”.Ti abbiamo già suggerito qualche trucco per aiutarti a gestirla, in un articolo incentrato proprio sull’ansia di tutti i giorni. Sempre la redazione di AsapSCIENCE ha deciso di girare un altro video con altri consigli.

Partendo prima di tutto da quello che beviamo. Sapere che alcune di queste sostanze, come l’alcol e il caffè, hanno effetti diretti sul nostro stato d’ansia ci permette di ricollegare l’origine di quel preciso stato mentale.

Il secondo consiglio, semplice ed efficace, è quello di fare un bel respiro profondo (la base della pratica dello yoga); o ancora fare una passeggiata fuori e staccarsi dal luogo dove si sta provando l’ansia. L’esercizio fisico aiuta anche se solo per cinque minuti.

Un altro dei modi per combatterla è andare in terapia. L’analisi è un’efficacissima palestra per la nostra mente. Altrimenti possiamo sempre pensare che tutti i problemi che in quel preciso momento ci stanno intasando la mente (generando ansia) non sono niente, in confronto alla grandezza del nostro pianeta, della galassia e dell’universo. Ma attenzione: questo ragionamento funziona soltanto quando siamo in preda all’ansia, altrimenti può rischiare di generarla.

Immagine di copertina