Dipingere le pareti di casa: alcuni consigli

Dipingere le pareti di casa: alcuni consigli

Con l’arrivo della primavera e l’inizio dell’estate uno dei lavori più indicati da fare per chi vuole risistemare il suo nido, è quello di dipingere le pareti di casa.
Quest’attività necessita di una serie di passaggi che, se seguiti, possono migliorare il fissaggio del colore e la resa della tintura sulla parete stessa.

Colore

La scelta delle tonalità è il passo più importante quando si vogliono dipingere le pareti di casa: ogni stanza ha le sue esigenze ed ogni colore è adattabile alle attività che dovrai svolgere nell’ambiente stesso.

Tonalità accese come l’arancione, ad esempio, stimolano la creatività e sono eccitanti, per cui indicate per stanze come quella dell’hobby. È bene non dipingere tutte e quattro le pareti, ma spezzare con il bianco.
Il giallo aiuta a concentrarsi ed è indicato in stanze per lo studio o per il lavoro e, come l’arancione, può aiutare a mettere in moto le idee.
Il rosso può essere indicato per le pareti della cucina, soprattutto se l’ambiente è ampio, perché stimola l’appetito e rilassa la mente facendoti concentrare solo sul cibo senza pensare al tempo che scorre.
Il bianco è il colore classico più utilizzato perché abbinabile a qualsiasi tipo di arredamento, ma anche perché dà il senso dell’ampiezza, rilassa eliminando qualsiasi vincolo temporale.
Per la stanza da letto è preferibile utilizzare tonalità come bianco, azzurro, malva, cipria che tendono a conciliare l’atmosfera rilassante.
Nota fondamentale: oltre ad alcune indicazioni basilari bisognerebbe anche dare sfogo alla propria creatività e seguire il gusto. Uno dei suggerimenti è quello di combinare sempre (magari dipingendo solo una parete) le tonalità forti con quelle meno forti: è monotono e troppo categorico dipingere una stanza tutta di rosso o di blu scuro, l’alternanza con tonalità meno presenti può aiutare a rilassare l’occhio e l’animo.

Fasi preliminari

Le pareti, prima di stendere il colore, vanno preparate:

1- Carteggiare: serve a eliminare parte del colore esistente e a rendere la superficie più liscia pronta ad assorbire una nuova tintura;
2- Lavare: passare tutte le pareti con una spugna bagnata con acqua calda per eliminare residui di polvere;
3- Stuccare: coprire buchi e sistemare le imperfezioni con dello stucco;
4- Fissante: prima di stendere il colore vero e proprio è consigliabile passare della vernice fissante che aiuta a stendere meglio la tintura e ad assorbirla in modo uniforme.

Tinteggiare

Dopo aver protetto mobili, pavimenti, aver coperto gli angoli a ridosso degli infissi e battiscopa con nastro adesivo, è consigliabile cominciare a dipingere gli spazi ristretti tra una parete e l’altra. Continuare con il rullo per il soffitto, e in seguito proseguire rullando le pareti. E’ consigliabile dare la passata prima in verticale e poi in orizzontale per coprire qualsiasi parte del muro, anche la più piccola.
Effettuare una seconda passata, se necessario, dopo aver atteso circa tre ore per far asciugare le pareti.