Come fare la firma digitale e autenticare i nostri documenti

Come fare la firma digitale e autenticare i nostri documenti

Lo snellimento di una serie di procedure avvenuto grazie a internet ha portato come diretta conseguenza la necessità di autenticazione dei documenti informatici e l’introduzione della firma digitale. Bisognava infatti predisporre un mezzo con il quale i cittadini privati potessero attribuire un valore legale ai documenti firmati al computer, documenti molto più semplici da gestire, inviare e archiviare. La soluzione al problema è stata quella di introdurre un sistema di autenticazione digitale analogo alla firma su carta, basato su un sistema di “scrittura in codice”, non comprensibile quindi che alle persone autorizzate a leggerlo (tecnicamente detto crittografia a chiavi asimmetriche).

Ma come fare la firma digitale? Come si può firmare un documento elettronico in maniera agevole, veloce e sicura? Cercheremo di fornirvi di seguito le informazioni necessarie su come ottenere e usare questo genere di autenticazione.

Ecco in dettaglio i passi da compiere per ottenere la firma digitale e firmare il vostro documento elettronico:

  1. Per prima cosa occorre scegliere il kit per la firma digitale da acquistare, collegandosi al sito di una delle aziende che offrono questo prodotto. La scelta può spaziare fra chiavette USB che includono il software completo necessario a firmare i documenti in formato digitale e conservarli al loro interno, i token USB che permettono di scaricare da internet il software necessario per apporre l’autenticazione e il kit con smart card + lettore smart card da tavolo. Il costo del kit per la firma digitale (tutti con scadenza triennale) è compreso fra i 38 e i 60 euro, a seconda del tipo di attrezzatura.
  2. Una volta scelto e acquistato il kit online seguendo la procedura guidata, riceverai un messaggio per posta elettronica con un paio di file allegati che dovrai stampare, firmare e farti autenticare al Comune della tua città, pagando una marca da bollo di circa 15 euro per eseguire l’operazione.
  3. I documenti che hai autenticato dovranno essere inviati all’indirizzo di posta indicato nella mail ricevuta, insieme alla copia di un valido documento d’identità.
  4. Dopo qualche giorno ti vedrai recapitare a casa la tua firma digitale. Per ricevere il codice di verifica necessario all’attivazione e poterla così utilizzare non dovrai far altro che collegarti al sito internet dell’azienda e inserire i dati richiesti (codice kit e codice fiscale del titolare). Il codice di verifica così ottenuto dovrà poi essere inserito all’interno del sito stesso e l’attivazione sarà così completata.

Vediamo ora come fare la firma digitale del documento elettronico, una volta completata l’attivazione e installato il kit acquistato sul proprio computer:

  1. Attraverso il software di Firma sarà possibile selezionare il documento elettronico da sottoporre a firma digitale. Il software richiederà l’inserimento del codice di protezione prima ottenuto e creerà il file con la firma digitale.
  2. Il file firmato assumerà a questo punto l’estensione .p7m, la quale si sommerà all’estensione del documento originario a rappresentare una busta informatica, la quale porterà al suo interno il documento originario, il certificato del sottoscrittore e un hash del documento firmato (una breve impronta che non può essere decrittata).
  3. Gli elementi della busta informatica serviranno ad accertare che:
  • il documento non sia stato modificato dopo la Firma
  • il Certificato del sottoscrittore non sia scaduto
  • il Certificato del sottoscrittore sia garantito da un’Autorità di Certificazione inclusa nell’Elenco Pubblico dei Certificatori
  • il Certificato del sottoscrittore non sia stato sospeso o revocato

Le verifiche del caso compiute con esito positivo, renderanno così il documento sottoscritto con firma digitale valido a tutti gli effetti di legge, con una validità temporale che sarà pari alla validità temporale del certificato utilizzato dal suo sottoscrittore.