Come preparare un vero tè all'inglese

Come preparare un vero tè all'inglese

In Gran Bretagna il tè è sacro. Ogni giorno si consumano 165 milioni di tazze.

George Orwell, uno dei più grandi scrittori del Novecento, ha scritto un saggio sulle undici regole d’oro per il miglior tè e ci sono dibattiti ancora aperti, tra scienziati, se bisogna mettere nella tazza prima il tè o il latte.

Anche se potrebbe sembrare un procedimento semplice, la preparazione del vero tè all’inglese è un’arte.

Andrea Sella, dell’University College di Londra, ha detto che per preparare una tazza di tè bisogna avere innanzitutto “pazienza, amore e cura”.

E poi seguire questi accorgimenti, senza tralasciarne neanche uno:

5075189902_ddc55d6d22_b

Primo passo

Butta i bicchieri di plastica, qui sono banditi. La porcellana delle tazzine è necessaria per trattenere il sapore naturale del tè e il tintinnio del cucchiaino contro la superficie è “indispensabile”.

Preparati a servirlo fra le 15 e 30 e le 17, sempre lontano dai pasti principali della giornata. E si raccomanda l’uso del tè sfuso.

Secondo passo

Per scaldare l’acqua usa un bollitore, e lasciala sul fuoco tra i tre e i cinque minuti. Non di più né di meno. Non scaldare nel microonde. Dopodiché mettere l’acqua nella teiera, non prima di averla sciacquata con acqua bollente. Aggiungere un cucchiaino di tè per ogni ospite e uno per la teiera. Aspettare qualche secondo.

te

Terzo passo

Una volta versata nelle tazzine aspettare sei minuti cosicché la temperatura scenda a 60 gradi.

Se vuoi aggiungere il latte presta la massima attenzione. Usa latte parzialmente scremato e riempi la tazza per un 5%, poi metti il tè. Quest’ordine è fondamentale.

Un’antica credenza inglese dice che mettere prima un goccio di latte freddo sul fondo della tazzina impedisca al tè di incrinare e macchiare la porcellana.

Quarto passo

Lo zucchero va servito preferibilmente in zollette e i biscotti migliori con i quali accompagnare il tè sono quelli senza zucchero: niente cookies o simili. Se vuoi servire invece degli stuzzichini, rispetta l’ordine: prima i salati, poi i neutri e infine i dolci.

Immagine via Flickr | Copertina | Teiera | Tazza