Partecipa al prestigioso concorso fotografico dedicato alle

Partecipa al prestigioso concorso fotografico dedicato alle "strade del mondo"

Cosa rende un luogo speciale e degno di essere raccontato? Se hai avuto il piacere (e la pazienza) di leggere Proust saprai che ciò che rende indimenticabile un luogo è “credere” fermamente in quel luogo. Ciò che lo definisce speciale non è soltanto una bellezza intrinseca, ma è il modo in cui l’abbiamo vissuto e come, casualmente, ci ritorna alla memoria: “La parte di Méséglise coi suoi lillà, i biancospini, i fiordalisi […], la parte di Guermantes col fiume e i girini, le ninfee e i bottondoro, composero eternamente per me la figura dei paesi che amerei abitare […] Ciò che voglio rivedere è la parte di Guermantes che ho conosciuto […] sono le sue praterie, sulle quali, quando il sole le rende riflettenti come uno stagno, si disegnano le foglie dei meli”.

Questa meravigliosa descrizione assomiglia molto a una fotografia, ma non come mera riproduzione della realtà, ma come “arte di osservazione”, come la chiamava Elliott Erwitt. Fotografare “significa trovare qualcosa di interessante in un posto ordinario… ha poco a che fare con le cose che vedi, riguarda totalmente il modo in cui le vedi”.

Queste due citazioni, ma più in generale i pensieri degli artisti, sono necessari anche per trovare la propria strada: fotografare non vuol dire soltanto saper usare i programmi giusti, conoscere la tecnica e gli strumenti.

Per mettersi alla prova e mostrare a molti appassionati la propria “arte di osservazione” c’è un concorso che vogliamo farti conoscere.

Si tratta del LensCulture Street Photography Awards, giunto quest’anno alla sua terza edizione. Il concorso “ti invita a condividere la tua visione delle strade del mondo”.

Molte le categorie del concorso per le quali candidarsi: ritratti street, cultura urbana, street fashion, viaggio on the road, street artarchitettura, bianco e nero, iPhone, astratto e grafica. La giuria alla quale verranno sottoposti i propri lavori è composta da personaggi illustri che lavorano nel campo della fotografia per varie testate internazionali: dal Guardian, fino al Time Magazine, passando per l’agenzia Magnum, National Geographic e il festival Photoville.

La scadenza del concorso è il primo agosto. Prima di attendere l’esito finale, però, le foto che vengono inviate, di volta in volta, sono scelte dai redattori e pubblicate sul sito e le piattaforme social. Lì possono essere votate dagli altri utenti, attraverso la condivisione, e mostrate ogni settimana tra le “preferite”.

La visibilità è la chiave del concorso: al di là dei premi in denaro, ciò che conta in queste circostanze, e la redazione di LensCulture lo sa, è farsi conoscere nel giro.

Chevy Impala. NYC.

A post shared by Owen Harvey (@ojharv) on

In questo concorso, per una foto singola non è prevista la solita tassa di iscrizione. Così facendo chiunque può avere la sua opportunità. Per la serie di dieci foto, invece, la tassa è di 60 dollari, mentre per 5 fotografie 50 dollari (verranno valutate come singole). In questi due ultimi casi si riceverà, al di là del verdetto finale, una recensione gratuita e un account portfolio.

Se i vincitori avranno premi in denaro, anche i finalisti avranno le loro soddisfazioni: una mostra online, una allestita a San Francisco (presso la SF Camerawork), la pubblicazione sul libro fotografico Lensculture 2017 (che viene reso disponibile all’intera rete di professionisti ed esperti del settore), proiezioni in festival internazionali di fotografia (in Giappone, Croazia, Italia, Francia, Russia e moltissimi altri luoghi), citazioni in articoli, ammissione al LensCulture Network (con la possibilità di partecipare gratuitamente a tutti i concorsi annuali di LensCulture).

Al vincitore della serie sarà consegnato un premio di 5mila dollari, al secondo 3mila e al terzo 1.500; mentre per la singola immagine si va dai 3mila a mille. Tra i vincitori dell’anno scorso ci sono Owen Harvey, Albarran Cabrera, Mandy Barker e molti altri che stanno riscuotendo quest’anno un’attenzione mediatica altrimenti impossibile.

È bene poi ricordare che Lensculture rispetta i diritti degli artisti: “Tutti i fotografi detengono i pieni diritti del proprio lavoro.”

NYC Light. ?

A post shared by Owen Harvey (@ojharv) on

Sul sito del concorso LensCulture Street Photography Awards trovi tutte le altre informazioni che ti servono per partecipare. Hai tempo fino al primo agosto per inviare il tuo materiale.

Immagine via Flickr di Hernán Piñera