Le cose non vere sullo spazio che abbiamo imparato guardando i film di fantascienza

Le cose non vere sullo spazio che abbiamo imparato guardando i film di fantascienza

Lo spazio non è facile da ricostruire al cinema. Ma non per una questione di tecnica, gli effetti speciali sono sempre più incredibili, ma per una questione di concetto, di nozioni. Rispettare le leggi della fisica e rendere un film allo stesso tempo avvincente non è cosa facile.

Alcuni dei film che hai amato e continuano a tenerti incollato allo schermo non sempre superano l’esame scientifico. Vedendoli inevitabilmente impari a dare per scontate alcune cose, anche se non sono vere.

Ecco allora gli errori più comuni nella fantascienza, con la speranza che dopo averli letti non ti rovinerai la prossima visione di un film di questo genere.

Il suono nello spazio 

È uno degli errori più frequenti: nello spazio non ci può essere alcun suono. È l’unico luogo dove questo accade naturalmente. Quando durante un combattimento nello spazio aperto senti rumori di pistole laser o motori di navicelle che si accendono sappi che è solo per l’intrattenimento. Un film quasi interamente muto sarebbe un po’ troppo realistico.

Congelamento

Il calore viene emesso da un’interazione fisica di particelle, non essendocene, nello spazio, non avresti modo di riscaldarti. Quando nei film vedi per esempio astronauti a cui si è rotto il casco, da quella crepa non prenderebbero soltanto “un raffreddore” come spesso accade, ma verrebbero ghiacciati all’istante.

Le fasce di asteroidi

In ogni film c’è sempre una scena di pericolo, verso la metà, in cui i nostri eroi devono fare i conti con una fascia di meteoriti. Anche se ci possono essere rocce molto grandi, queste si trovano tra di loro a centinaia di migliaia di chilometri di distanza. Schivarli non è un momento così elettrizzante.

Non possono esserci così tante esplosioni

Il fuoco non è un oggetto, ma una reazione, dovuta alla combustione di gas nell’aria. Senza queste condizioni accendere un fuoco o anche solo una scintilla sarebbe impossibile. Nello spazio c’è una grave mancanza d’aria, quindi tutti quei film dove le esplosioni sono all’ordine del giorno stanno dando per scontato, erroneamente, che nello spazio sia presente ossigeno.

I jet pack non sono così comodi

Sebbene siano ricostruiti in modo realistico, i jet pack non possono essere usati come nei film. Ad esempio nei casi emergenza per evacuare una navicella. Per una propulsione del genere dovrebbero essere molto ma molto più grandi per permettere una spinta così.

Il lato oscuro della Luna

Anche se vediamo sempre la stessa faccia della Luna, non vuol dire che l’altra non sia illuminata dalla luce solare. Tutta la superficie della Luna ne è immersa. Basta pensare a un’eclissi solare. Quando la Luna si trova tra il Sole e la Terra il lato oscuro della Luna in realtà è colpito in pieno dai raggi.

Immagine tratta da Gravity