La dieta che fa bene al pianeta

La dieta che fa bene al pianeta

Quando si parla di dieta si pensa alla propria salute, e poche volte si pensa a come rendere questa dieta sana per il pianeta.

Il dipartimento dell’agricoltura statunitense ogni cinque anni pubblica un report sull’alimentazione migliore per la propria salute. Quest’anno però la pubblicazione ha interessato anche l’ecosostenibilità.

Una dieta che faccia i conti soprattutto con l’impatto che genera sull’ambiente.

La proposta è quella di un appagamento a tutti i livelli, senza insomma costringerti a mangiare cibi che non ti soddisfano.

Kate Geagan, dietologa e autrice del libro Go Green Get Lean, intervistata dal Guardian, ha detto: “È difficile per la gente cambiare volentieri le proprie abitudini alimentari per un risultato ambientale che si concretizzerà di lì a dieci anni. Aggiungere alla dieta del pianeta anche i vantaggi per la propria salute è tutta un’atra cosa”.

Ecco i consigli di Kate e del dipartimento di agricoltura su cosa è bene mangiare di più e cosa meno per salvare la tua linea e quella del nostro pianeta.

fagioli

Cosa mangiare di più

Al primo posto ci sono i fagioli. Pieni zeppi di proteine, fibre e acido folico. Si possono trovare facilmente e saziano. L’impronta di carbonio è molto piccola, questo è un bene per l’ambiente.

Secondo il Guardian gli americani traggono le proteine dai fagioli soltanto per il 15%. Se lo facessero per il 25% risparmierebbero due terzi della riserva d’acqua della California.

Le sardine, piene di omega 3 e vitamina D. Il sapore delle sardine non è per tutti, ma se si aggiungono all’insalata si gustano meglio.

La frutta e la verdura soltanto se biologiche. Spesso vengono trattate con pesticidi che si possono trovare ancora sulla buccia.

Insieme alle verdure, anche gli altri legumi, le noci e i semi. Facili perché si possono inglobare anche nella dieta giornaliera: la chia, la quinoa e il tofu.

galline

Secondo una ricerca le uova di galline allevate a terra contengono più vitamina A e più omega 3 rispetto alle altre. Inoltre sono più saporite e danno la razione di proteine ideale per tutta la mattina.

Cosa mangiare di meno

Va certamente limitato, se non annullato, l’uso di prodotti confezionati in plastica. Oltre agli zuccheri aggiunti che fanno male alla tua salute, i prodotti confezionati contengo sostanze chimiche della plastica dannose per l’uomo e per la natura: le confezioni hanno un tasso di riciclo molto basso, e non vengono smaltite del tutto.

Da evitare quindi anche l’acqua imbottigliata in plastica.

salmonn

Il pesce fresco appena pescato è un’ottima scelta in fatto di salute ma non quella migliore per l’ambiente. Bisogna prestare attenzione alle specie di pesci che si sta mangiando, anche per i più comuni tonni e salmoni.

L’allevamento intensivo di polli, maiali e bovini ha un effetto devastante per la salute del nostro pianeta. Vengono usati gli antibiotici che hanno un impatto negativo sul terreno e l’acqua circostante. Molto meglio allora optare per l’allevamento al pascolo, anche perché i ricercatori assicurano che le carni sono molto più nutrienti.

Immagini via Flickr | Copertina | Fagioli | Galline | Salmone