La discesa estrema in mountain bike ripresa da una GoPro

La discesa estrema in mountain bike ripresa da una GoPro

Lo sviluppo sempre più rapido della tecnologia, oltre a esserci di grande aiuto per il presente e per il futuro prossimo per tutto quello che concerne la salute e il benessere, può anche essere un ottimo strumento ludico per farci vivere esperienze altrimenti impossibili da vivere.

Ma non è un divertimento fine a se stesso. L’immedesimazione che possiamo provare ci porta a vivere esperienze in prima persona ampliando anche il nostro spettro di sensazioni ed emozioni.

Uno degli strumenti più usati per questo tipo di esperienze è sicuramente la GoProuna videocamera “indossabile” resistente agli urti e alle condizioni ambientali più complicate e avverse, che permette di registrare video ad alta qualità e testimoniare le più grandi imprese sportive recenti.

Il primo che l’ha usata, portandoci a un livello di partecipazione mai raggiunto prima, è stato il paracadutista Felix Baumgartner che ha fatto un salto nel vuoto dallo spazio. L’evento, ripreso con una telecamera sulla testa, è stato uno dei più seguiti su internet.

Un’impresa più piccola ma allo stesso modo emozionante ed elettrizzante è quella di Steve Storey, un ciclista estremo che ha percorso una discesa di montagna ripida e pericolosa ponendo proprio una GoPro sul petto.

Per realizzare questo tragitto, percorso in qualche minuto a una velocità impressionante, Steve ha lavorato più di due anni. Esercizio e preparazione mentale quotidiani che gli hanno permesso di compierlo quasi a occhi chiusi, schivando di qualche centimetro i rami dei fitti alberi. E proprio grazie alla tecnologia, anche noi che stiamo davanti a uno schermo ci sentiamo almeno per qualche minuto degli Jedi.

 Immagine via YouTube