Earthship, il modello di casa ecosostenibile ideato negli anni '70

Earthship, il modello di casa ecosostenibile ideato negli anni '70

La questione ambientale, sebbene abbia un maggior risalto in questi tempi recenti, è stata affrontata anche in passato, da quelli che oggi sembrano dei pionieri dell’ecologismo.

Tra questi c’è l’architetto Michael Reynolds che negli anni ’70 ha ideato, progettato e costruito le Earthship, tradotto significa “nave da terra“, case ecosostenibili costruite usando prodotti riciclati ed ecologici.

Da più di 40 anni, a Taos, in Nuovo Messico, le Earthship continuano ad ospitare e a funzionare correttamente. La prima, in assoluto, di queste case è stata edificata usando lattine di birra vuote, successivamente intonacate.

Le Earthship sono costruite per il 45% da materiali riciclati, come pneumatici e appunto lattine, usate per i muri non portanti. Riutilizzando questi materiali viene evitato l’impiego dell’industria che consumerebbe energia.

Queste case sfruttano le potenzialità dell’architettura passiva e si autoconservano grazie alla “collaborazione” con la natura. La terra dei muri permette di mantenere costante e mite la temperatura interna. Nei giorni d’estate, la serra solare all’esterno cattura il calore rilasciandolo gradualmente durante la notte. Senza bisogno di combustibili fossili, una Earthship assicura una temperatura tra i 20 e i 15 gradi.

ln più, il tetto a cupola raccoglie l’acqua piovana, in alcuni casi anche la neve, e attraverso un processo di filtraggio, l’acqua viene usata per rinfrescare o riscaldare la casa, e immessa nella rete idrica. Parte delle acque grigie viene riutilizzata come concime per la coltivazione esterna che assicura agli abitanti della casa una produzione alimentare durante tutto l’anno.

A chi le critica come esteticamente brutte, Michael amabilmente non controbatte neanche. “Evidentemente queste persone”, ha detto: “non si rendono conto da soli del pericolo del cambiamento ambientale. Sono come i passeggeri del Titanic che, ignari, continuano a ballare”.

Le Earthship non sono semplicemente delle case, ma uno stile di vita. Vivere in una di queste insegna cosa significa riciclare, usare qualsiasi cosa per costruire, e responsabilizzarsi.

Oggi, a distanza di 40 anni dalla prima costruzione è nata la Earthship Biotecture, un’organizzazione che opera in tutto il mondo costruendo edifici con impatto zero sull’ambiente. Questo modello è stato impiegato in molte situazioni di emergenza, come dopo lo Tsunami nel 2004. Sono infatti molto facili e rapide da costruire, permettendo di venire incontro a ogni evenienza e raggiungendo ogni angolo di mondo in difficoltà.