Questi edifici eco-friendly producono più energia di quella che consumano

Questi edifici eco-friendly producono più energia di quella che consumano

Compito, tra i tanti, dell’architettura nel 2016 è quello di ragionare su nuove forme urbanistiche che permettano una miglior convivenza tra l’uomo e la natura. Non si può più sorvolare sulla questione ambientale.

L’architetto belga Vincent Callebaut dal 2000 si è specializzato nella progettazione e costruzione di edifici che guardassero al futuro. L’obiettivo della sua ricerca è quello di cambiare il modo in cui pensiamo la città, facendoci aiutare dal suo contributo “visionario“. Il suo ultimo progetto rientra in uno più grande sulle “città di domani”, complessi urbanistici che devono essere dotati di tutti i bisogni e i comfort ma in maniera ecosostenibile.

Hyperion” parte proprio da queste premesse, ed è una scommessa che vuole rovesciare una nostra convinzione: si tratta di un complesso di edifici eco-friendly in grado di generare più energia di quanta ne consumano.

energia-2

Nel futuro immaginato da Callebaut vivremo e lavoreremo in edifici che producono energia in modi diversi. La struttura di questo complesso sarà imponente, toccando altezze di 130 metri. L’ispirazione gli è venuta analizzando l’omonimo albero della California, il più alto del mondo (115 metri). Per questo la struttura degli edifici sarà di un particolare legno lamellare.

energia

Smistati su 36 piani, ci saranno più di 1000 tra case, uffici, palestre, ristoranti e piscine. All’interno del complesso saranno presenti anche aziende e giardini in grado di produrre energia; ma come?

energia

Per realizzare questo obiettivo bisogna prima di tutto riequilibrare l’ecosistema. In questo modo ci saranno meno malattie, meno erbacce e meno insetti dannosi. Ci saranno colture di cereali legumi che ridurranno gli apporti di azoto. Sulle torri ci saranno piante e giardini rampicanti e l’acqua dei laghetti e fontane sarà fitodepurata.

energia-3

Ci saranno orti per le spezie come l’alloro, la canfora, e poi alberi di bergamotto e piante di cannella. Ci saranno piccole fattorie e allevamenti che produrranno uova e latticini. Gli scarti agricoli saranno trasformati in metano che genererà energia e sarà reintrodotta, circolarmente, all’interno delle abitazioni. Le case di “Hyperion” non saranno utopie di un futuro remoto, ma una realtà a Nuova Delhi nel 2020.

energia-5

Immagini via YouTube