Un caffè con ogni amico che hai su Facebook

Un caffè con ogni amico che hai su Facebook

Negli anni Novanta l’antropologo Robin Dunbar, attraverso uno studio che ha preso in analisi un numero enorme di epoche e di civiltà, è arrivato a sostenere che gli esseri umani siano in grado di stabilire relazioni significative e stabili con un massimo di 150 persone.

Ma, nonostante questo, su Facebook abbiamo una cerchia di amici che supera di gran lunga quel numero. Possiamo avere migliaia di amici. Amici di cui a volte non sappiamo praticamente niente.

Sarà sicuramente capitato anche a te, infatti, scorrendo la home di Facebook, di leggere lo status di qualcuno e non riuscire a ricordare come sia finito fra i tuoi contatti.

Nonostante la teoria di Dunbar, sarebbe possibile riuscire a mantenere un rapporto con ogni persona che abbiamo aggiunto su Facebook? O anche solo riuscire a conoscerla?

È quello che sta cercando di fare Matthew Kulesza, un ventottenne australiano che da qualche mese ha dato via a 1000+Coffees: un progetto attraverso cui ha intenzione di incontrare ogni singolo amico che ha su Facebook (più di mille) per prendere un caffè e fare amicizia.

L’idea gli è venuta la scorsa estate, dopo che aveva cominciato a pensare di togliere l’amicizia ad ogni persona con cui non aveva interazioni.

Dopo averci riflettuto, però, ha pensato che l’aver ammassato contatti con così tanti sconosciuti poteva essere un’occasione per fare nuove amicizie. Così a settembre ha cominciato a contattare ognuno di loro e a proporre un caffè insieme.

Matthew sostiene di avere scelto il caffè perché gli alcolici influenzano le interazioni: “Penso che ci sia una grande differenza tra il modo in cui socializziamo quando beviamo alcol, magari in un locale con le luci soffuse o in discoteca, e la socializzazione alla luce del sole, con un semplicissimo caffè. In più, penso che tutti, chi più chi meno, bevano caffè o tè”.

caffè

Ogni caffè viene immortalato da una foto e pubblicato sul Tumblr dedicato al progetto, con un breve testo in cui viene raccontata la storia delle persona che Matthew ha incontrato e viene descritta brevemente l’esperienza.

Finora ne ha incontrati 66, e prevede che per portare a termine il progetto gli serviranno come minimo tre anni.

Nonostante sia un’idea semplice, il progetto di Matthew fa riflettere sui livelli di confidenza e interazione umana a cui i social network ci stanno abituato.

Ti sei mai chiesto quanti degli amici che hai online, anche quelli di cui magari commenti i post e a cui fai gli auguri quando ti arriva la notifica del compleanno, non hai mai visto di persona? O quelli di cui sai qualcosa solo grazie alle informazioni del profilo?

Perché è vero che ormai ci sono intere relazioni che si svolgono in rete, e l’uso sempre più ampio che facciamo di internet spinge a pensare che siano destinate solo ad aumentare.

caffè2

Oltre ad ampliare la sua vita sociale, infatti, Matthew sostiene di avere dato vita a 1000+Coffees per aiutare gli altri a ricordare come le relazioni si diffondano e debbano essere vissute anche fuori dai social network. Pensaci: magari seguendo il suo esempio potresti scoprire che lo sconosciuto che riempie la tua home di selfie è una persona interessantissima.

Immagini via Facebook