I flop più clamorosi al botteghino

I flop più clamorosi al botteghino

Con 511,8 milioni di dollari incassati nel mondo in un solo weekend, è il primo film della storia a superare il tetto del mezzo miliardo in tre giorni; con 100 milioni di dollari in Cina, e con 5 milioni e mezzo di euro in Italia, il debutto mondiale di Jurassic World non ha precedenti.

Il budget del film, diretto da Colin Trevorrow con Chris Pratt e Bryce Dallas Howard, è stato di 150 milioni di dollari, superando quello dei tre precedenti film della saga.

È stato un rischio, ma alla fine i produttori hanno tirato più di un sospiro di sollievo: che cosa sarebbe successo se il film non avesse soddisfatto le aspettative?

Semplice: sarebbe rientrato nella già lunghissima lista di flop cinematografici.

Una lista che tutti gli addetti ai lavori di Hollywood imparano a memoria per non rischiare di finirci dentro e commettere gli stessi errori.

5. R.I.P.D. Poliziotti dall’aldilà

Adattamento cinematografico dell’omonimo fumetto, il film è costato più di 150 milioni di dollari. Uscito nel 2013, dopo numerosi cambi di cast e di regia ha incassato meno di 80 milioni. Sarà stata la troppa somiglianza con la molto più fortunata saga di Men in Black?

4. The Lone Ranger

Le perdite riportate dal film di Gore Verbinski con Johnny Depp e Armie Hammer sono stimate intorno ai 120 milioni di dollari. Anche in questo caso la produzione del film è stata travagliata: a causa del budget elevato le riprese sono cominciate tardissimo. Negli Stati Uniti ha incassato soltanto 60 milioni, neanche un quarto di quelli che sono stati spesi per realizzarlo. Stroncato da critica e pubblico.

3. Il 13° guerriero

Come per Jurassic Park il soggetto del film è stato tratto da un’opera di Michael Crichton, ma non è stato abbastanza. Il film del 1999, con Antonio Banderas come protagonista, costato 160 milioni, ne ha incassati soltanto 60.

2. Milo su Marte

Al secondo posto c’è un film praticamente sconosciuto in Italia, nonostante sia stato prodotto dalla Walt Disney Pictures. È stato un flop talmente clamoroso in America che da noi uscì preventivamente in un numero limitato di sale e per pochissimo tempo. A Hollywood viene ricordato soprattutto perché portò al fallimento, con 136 milioni di dollari di debito, una delle case di produzione.

1. 47 Ronin

In questo caso i milioni di dollari andati in fumo sono stati 175. Remake del capolavoro del maestro Kenji Mizoguchi, per una serie di sfortunate scelte è il flop più grande di tutti i tempi. Sceneggiatura riscritta più volte, la regia in mano a un giovane alla sua opera prima, la voglia di arruolare un cast giapponese che però parla male inglese, uscito a Natale, quando in sala ci sono altri film e dulcis in fundo l’attore protagonista è Keanu Reeves che gran parte del pubblico non vedeva dall’ultimo Matrix, dieci anni prima.

Peggio di così non si poteva fare. Ma visti i budget sempre più alti dei film di Hollywood siamo sicuri che basterà aspettare qualche anno per vedere la classifica di nuovo aggiornata.

Immagine via Flickr