Gli scatti che mostrano la meraviglia di ciò che è invisibile a occhio nudo

Gli scatti che mostrano la meraviglia di ciò che è invisibile a occhio nudo

Fra le tante discipline fotografiche ce n’è una particolarmente affascinante—e di grande rilevanza scientifica—che va conquistandosi sempre più appassionati. È la fotomicrografia: la ripresa di soggetti molto piccoli, comunque non visibili a occhio nudo, ottenuta tramite una fotocamera collegata a un microscopio (ottico oppure elettronico).

Il concorso fotografico Nikon’s Small World è la più importante vetrina al mondo in cui ogni fotografo—professionista o amatore—che abbia una decisa pratica nella fotografia al microscopio, può esporre i propri lavori. L’edizione 2017 è stata la 43°. Da poco sono state pubblicate le foto dei vincitori che ci permettono di esplorare mondi invisibili e coloratissimi. Mondi che possono trovarsi anche dentro di noi.

Gli straordinari colori delle fotografie di Nikon’s Small World

Come sono fatti i cristalli di paracetamolo, l’antipiretico che assumi ogni volta che hai l’influenza per far scendere la febbre (comunemente: la tachipirina). Hai mai visto cosa c’è dentro una compressa?

Forse ti starai chiedendo come mai le foto precedenti siano così colorate e quasi naïf, da farci pensare a un anime giapponese o a un famoso videoclip dei Daft Punk. Perché gli autori hanno usato un filtro polarizzatore, che elimina i riflessi provenienti da acqua o vetro aumentando colore e contrasto—un effetto non riproducibile adeguatamente con alcun software di fotoritocco esistente. Oppure un microscopio confocale, che aumenta la risoluzione e regala immagini spettacolari.

Guarda ad esempio quest’immagine simpatica e sgangherata: immagineresti mai che rappresenta una porzione superingrandita della cute di un cetriolo di mare, su cui si trovano minuscole concrezioni calcaree a forma di ancora?

View this post on Instagram

Ce motif à ancres, digne de Jean-Paul Gaultier, a été photographié par Christian Gautier, adepte de la microphotographie. Il s’agit de la peau d’un concombre de mer. En effet, ces animaux ont une sorte de squelette situé juste sous la peau, constitué de plaques de calcaires articulées entre elles, le « squelette dermique ». Chez les concombres de mer, elles sont parfois réduites à ces petites portions dispersées, des « spicules ». Ici, elles possèdent des parties en forme de petites ancres qui peuvent se planter dans la gueule d’un prédateur en cas d’attaque. Cette photo est apparue dans le classement des 20 premières photos du Nikon Small World de 2017 Crédit image : Christian Gautier #concombredemer #seacucumber #sea #lanatureestbelle #naturewonder #ancres #beautiful #natureisbeautiful #microscopy #nikonsmallworld #microphotography #lesaviezvous #svj #scienceetviejunior #scienceiscool #sciencefacts #scienceisfun #encoreunpeudetatsiki?

A post shared by Science & Vie Junior (@scienceetviejunior) on

Vediamo ora insieme altre foto che sono entrate nella top 20 di quest’anno, comprese le primissime posizioni.

I vincitori di Nikon’s Small World 2017

Partiamo dal gradino più basso del podio con la terza classificata, questa spassosa e a suo modo davvero poetica immagine. Rappresenta la colonia sferica di un’alga unicellulare, Volvox, nel momento in cui rilascia le colonie figlie, assumendo una forma che è quella dell’icona stilizzata di Pac-Man.

La seconda classificata ci dà invece un’idea della complessità nascosta in forme apparentemente semplici. Ritrae la testa del seme di una pianta comune, il senecione.

La prima classificata, infine, ha a che fare con il nostro corpo, più precisamente con la nostra pelle. Ritrae infatti una cellula epiteliale che presenta un ammontare eccessivo di cheratina, la cui struttura reticolare è evidenziata in giallo nella foto. La cheratina è una proteina essenziale alle cellule della pelle, poiché ha anche una funzione protettiva, anti-stress.

How often do you notice your own skin? Congratulations to Dr. Bram van den Broek on his winning image of human skin cells expressing keratin. The expression patterns of keratin are often abnormal in skin tumor cells, and it is widely used as tumor marker in diagnostics. #skincells #science #research #microscope #microscopy #Nikon #NikonSmallWorld #photography —————————————————-Dr. Bram van den Broek, Andriy Volkov, Dr. Kees Jalink, Dr. Reinhard Windoffer & Dr. Nicole Schwarz The Netherlands Cancer Institute BioImaging Facility & Department of Cell Biology Amsterdam, The Netherlands Subject Matter: Immortalized human skin cells (HaCaT keratinocytes) expressing fluorescently tagged keratin Magnification: 40x (objective lens magnification) Technique: Confocal

A post shared by Nikon Instruments (@nikoninstruments) on

E la medaglia di legno? È andata a una foto grottesca e inquietante: lo scolice (potremmo dire quasi la testa), di una larva di tenia. Gli uncini in primo piano, con i quali il parassita si ancora al suo “ospite”, danno al verme un’espressione davvero malevola.

Gli straordinari soggetti inanimati nelle fotografie di Nikon’s Small World

Non solo fotografie di organismi viventi possono essere interessanti e trattate artisticamente, se ingrandite molto. È davvero arduo, ad esempio, indovinare cosa rappresenta questa bellissima foto astratta, classificatasi undicesima al concorso: una frattura della plastica di una carta di credito, verificatasi proprio in corrispondenza del suo ologramma.

Plastic fracturing on credit card hologram #nikonsmallworld

A post shared by Théodore WS Clavreul (@theoclav) on

Puoi vedere qui tutte le foto entrate nella top 20 di quest’anno, più tutte quelle che hanno ricevuto una menzione d’onore. Qui invece puoi sfogliare la classifica degli anni precedenti.

Immagine di Copertina di Aaron Bunden via Unsplash