L'isola di Sark è il posto ideale dove ammirare le stelle

L'isola di Sark è il posto ideale dove ammirare le stelle

Chi vive in città, tra i tanti tipi di inquinamento, si abitua anche a quello luminoso. Non ce ne rendiamo conto, ma l’illuminazione è un elemento fondamentale per il nostro microclima. La luce ricopre un ruolo cruciale nella vita quotidiana, dalla sfera psichica a quella lavorativa

Da qualche anno è stato creato un premio dell’International Dark-Sky Association per tutte quelle realtà mondiali che hanno a cuore questo problema e cercano modi di contrastarlo.

Spesso questo premio viene dato a zone del pianeta disabitate, perché si sa, l’uomo è la prima causa di danni ambientali. Eppure c’è un posto, nel canale della Manica, che disabitato non è e che ha ricevuto il prestigioso premio: stiamo parlando dell’isola di Sark.

Sark è situata a 30 chilometri a ovest della costa francese della Normandia. Molte le particolarità di quest’isola: la prima che salta subito agli occhi è la sua minuscola dimensione. La superficie misura appena 5 chilometri e mezzo.

Nell’isola di Sark i suoi 600 abitanti, per rispettare l’ambiente, non usano macchine, ma si muovono a piedi, in bicicletta o con carrozze trainate da cavalli. I turisti che vanno a visitarla arrivano da Guernsey tramite traghetto e vengono trasportati sull’isola con trattori.

Inoltre non sono presenti neanche pali della luce, e così per muoversi in strada, gli abitanti usano delle fiaccole. Sark infatti ha ricevuto il premio non solo per i suoi cieli scuri, ma anche per gli sforzi della comunità per preservare la loro bellezza e condividerla con gli altri.

sark

Quest’anno, nel mese di ottobre, è stato inaugurato anche il primo osservatorio. Niente a che vedere con le moderne tecnologie altamente raffinate che si trovano in altre parti del mondo, ma, in linea con le sue modeste dimensioni, l’osservatorio è un telescopio, comprato con una colletta degli abitanti e installato all’interno di una piccola costruzione di legno situata nel campo di un contadino.

Guardando il cielo di Sark si possono vedere meraviglie astrali a molti sconosciute: Marte, Orione, la Via Lattea, le Pleiadi e Cassiopea.

L’isola è stata anche fonte di ispirazione per molti artisti, tra cui lo scrittore fantasy Mervyn Peake e la cantante irlandese Enya che ha intitolato il suo ultimo album Dark Sky Island.

Immagini via YouTube