La modella che ha deciso di passare un anno senza fare shopping

La modella che ha deciso di passare un anno senza fare shopping

Qual è il periodo più lungo che hai passato senza fare shopping? E quante volte ti capita di entrare in un negozio soltanto per curiosare per poi uscire con un sacchetto in mano?

Kyleigh Kühn è una ragazza di 28 anni che lo scorso primo maggio, il giorno del suo compleanno, ha fatto voto di rinunciare—inizialmente per 87 giorni—a comprare vestiti e scarpe.

Il suo obiettivo era dimostrare come sia possibile fare a meno degli sprechi e degli acquisti inutili, continuando comunque a vestirsi con stile utilizzando gli abiti che già possediamo.

Da questa idea è nato 87 Days of Vintage, un sito in cui Kyleigh racconta la sua esperienza e spiega come è possibile essere trendy senza dover per forza spendere soldi e abbandonarsi al consumismo.

Sul sito si possono trovare consigli su come sistemare vecchi abiti che all’apparenza ci sembrano inutilizzabili, magari rivolgendosi a un bravo sarto, e scambiare quelli che non indossiamo più nei mercatini dell’usato.

Ma quella della Kühn non è soltanto un’idea creativa: il suo proposito, attraverso 87 Days of Vintage, è quello di sensibilizzare i Millennials (le ultime generazioni) sulle dinamiche del consumismo e del rispetto per l’ambiente.

Kyleigh Kühn è da sempre impegnata nelle cause ambientali e civili: nel 1997 la sua famiglia ha fondato un’organizzazione non-profit attiva nello sminamento e nella riconversione agricola dei campi in Afghanistan. Da tempo ormai, gestisce un’associazione che si occupa dello sviluppo dell’artigianato nelle aree martoriate dalla guerra.

kayleigh2_0

87 Days of Vintage, quindi, è solo un progetto minore per la modella, che però ci crede sul serio e ha deciso di protrarre l’esperimento e rinunciare allo shopping per 365 giorni. Ogni volta che partecipa a un evento mette in mostra i suoi outfit vintage e cerca di raggiungere il maggior numero di persone con la sua idea.

“Perché no?” ha dichiarato. “È un modo semplice e creativo per salvaguardare la terra e risparmiare.”

Nonostante a molti possa sembrare un’idea un po’ naif, l’ecosostenibilità e il freeganismo sono diventati la nuova moda del jet set di New York.

Inoltre, è innegabile che i nostri armadi siano stipati di cose che abbiamo comprato e indossato solo un paio di volte. Quindi perché non sfruttarle?

Immagini via Facebook | Facebook