La mappa che mostra i livelli di inquinamento atmosferico in tempo reale nella tua città

La mappa che mostra i livelli di inquinamento atmosferico in tempo reale nella tua città

Per risolvere i problemi ambientali, o anche solo cominciare a pensarci seriamente, bisogna prestare molta attenzione a quello che ci succede intorno e a conoscere bene le conseguenze visibili e non. Approfondendo il tema dell’inquinamento luminoso, che non ci permette di vedere l’80% del cielo e che sta creando anche dei seri danni agli insetti. Ammirando gli esempi virtuosi che provengono da altri paesi, come Giethoorn in Olanda. O anche una performance di protesta come quella dell’artista pugliese, Noel Gazzano.

I problemi dell’inquinamento diventano nostri problemi, solo quando ci riguardano direttamente. Quando c’è il blocco delle auto nella nostra città per esempio. O quando, come ad Amsterdam, prestarci attenzione significherebbe avere il wi-fi gratis.

Conoscere l’inquinamento atmosferico per risolverlo

Il 29 ottobre, i cieli italiani si sono tinti di colori straordinari: rosa, viola, arancione. Una splendida sorpresa che è andata a impreziosire il tramonto. Molti utenti, specialmente su internet, hanno pensato che la causa di quei colori fosse dovuta all’inquinamento atmosferico.

Come ha spiegato Stephen Corfidi, meteorologo della National Oceanic and Atmospheric Administration: “Si tratta di un mito. Le particelle più grandi nella bassa atmosfera tendono a smorzare e attenuare i colori perché assorbono più luce. In questo modo si perde lo spettacolare effetto. Nelle zone in cui c’è molta nebbia non si vedono tramonti da cartolina”.

La mappa che ci rende consapevoli dell’inquinamento atmosferico

Un modo per essere ancora più consapevoli dell’inquinamento atmosferico è consultare una mappa. Facile, chiara e intuitiva. L’abbiamo già visto con la mappa mondiale sull’inquinamento realizzata da Art Visual Earth. Stavolta vogliamo parlarti di quella sviluppata da aqicn.org. La sua particolarità è dare informazioni in tempo reale sulla qualità dell’aria che respiriamo.

Il progetto è quello di World Air Quality Index, sottoscritto da più di 90 Paesi e realizzato per dare maggior consapevolezza a tutti i cittadini. Il sito elabora dati raccolti dalle stazioni di monitoraggio locali.

mappa inquinamento atmosferico, smog

Come leggere la mappa sull’inquinamento atmosferico

Nella mappa, che copre una grossa fetta del globo, si possono vedere le situazioni più critiche e delicate anche nel nostro Paese. In particolare nella zona della Pianura Padana.

La scala che indica la qualità dell’aria parte da 0 (risultato estremamente positivo) e arriva fino a 500 (estremamente negativo). A ogni numero poi corrisponde anche un preciso impatto sulla nostra salute. Si comincia dal buono per arrivare con il moderato, insalubre per le persone a rischio, via via fino al pericoloso (hazardous).

mappa inquinamento atmosferico ozono

Una volta trovata la stazione meteorologica più vicina alla tua città basta cliccarci sopra. Potrai vedere, nel dettaglio, la temperatura, la velocità del vento, la pressione e l’umidità. Relativi a questi fattori potrai consultare anche i livelli di PM 2.5, PM 10, O3 (Ozono), NO2 (Diossido di azoto), SO2 (Anidride solforosa) e CO (Monossido di carbonio).

Uno strumento che se letto correttamente può davvero far la differenza. Utile ad affinare la nostra coscienza ambientale non pensando più al problema dell’inquinamento come a qualcosa di lontano nel tempo.

Naviga all’interno della mappa e controlla i livelli di inquinamento della tua città.

Immagine di copertina