Il Buddhismo senza la fuffa

Il Buddhismo senza la fuffa

Malgrado il suono tra il new age e il fricchettone del titolo – “Perché il Buddhismo ha ragione: Scienza e filosofia della meditazione e del risveglio” – un libro sulla meditazione uscito da poco negli Stati Uniti sta ottenendo recensioni e analisi su quasi tutte le testate giornalistiche più illustri: commenti sul New York Times (ben due diversi), sul Guardian, sul Wall Street Journal, su Vox e molti altri, un lungo articolo sul New Yorker, in parte critico (tradotto parzialmente qui).
La spiegazione di tanta attenzione sta già nelle due parole più importanti del titolo – “scienza e filosofia” – e nella formazione dell’autore: Robert Wright è uno stimato giornalista e saggista che si è occupato molto di scienza e psicologia, è stato finalista al premio Pulitzer, ha avuto i suoi libri segnalati nelle liste dei migliori dell’anno in più occasioni. E tiene un corso a Princeton sulle relazioni tra la scienza cognitiva e il Buddhismo, appunto (lo stesso New York Times lo ha invitato questa settimana a scrivere un articolo intitolato “Il Buddhismo è più occidentale di quanto crediate”, in cui risponde ai dubbi del New Yorker).

Il libro di Wright è destinato – con una grande capacità di immedesimazione dell’autore nei suoi lettori – ai profani della meditazione che ne sono curiosi ma sospettano sia una cosa poco razionale: e fa un eccellente lavoro per collocarla dentro studi scientifici sui comportamenti della mente e delle emozioni, e dentro la storia biologica dell’evoluzione e dei principi di conservazione della specie. In più di un’occasione dice al lettore cose come “questa cosa la diceva il Buddha, ed effettivamente suona strana, ma per ora fregatevene: fate conto che stiamo parlando del quarto bombolone alla crema che vorreste mangiare”, o “avete presente quando odiate qualcuno e vorreste gli capitasse qualcosa di male? Succede anche a me”, e condivide con i lettori anche le sue difficoltà e fallimenti con lo sforzo della meditazione, tuttora.

Tre cose dal libro di Wright

Il genere umano, spiegano le teorie scientifiche evolutive, è “progettato” per la conservazione della specie. Le nostre emozioni servono a suggerire al cervello scelte e comportamenti che hanno questo obiettivo generale, non la nostra soddisfazione o felicità individuale: quindi spesso lavorano per ingannarci, per esempio facendoci desiderare il cibo, o il sesso, anche quando questo desiderio ci creerà delle complicazioni o ci farà addirittura stare male. Per sfuggire a questi rischi bisogna imparare a osservare le proprie emozioni e pulsioni e capire cosa le origina, quali abbiano fattori positivi e quali no.

Quindi, se chiedete “quale tipo di pensieri, percezioni ed emozioni ci guidano nella vita di ogni giorno?”, la risposta in estrema sintesi non è “il tipo di pensieri, percezioni ed emozioni che ci danno un’accurata immagine della realtà”. No, in estrema sintesi la risposta è “il tipo di pensieri, percezioni ed emozioni che hanno aiutato i nostri antenati a trasmettere i loro geni alla generazione successiva”

La distinzione tra “ragione ed emozioni” è ingannevole. Non sono due elementi alternativi e opposti, tra i quali di volta in volta prevale l’uno o l’altro: le emozioni guidano sempre le nostre scelte “razionali”, e di volta in volta un’emozione prevale sull’altra.

Niente può frenare o opporsi all’impulso di una passione se non una passione opposta

Dobbiamo imparare a non sopravvalutare noi stessi e quello che ci accade, ma essere capaci di osservarlo: non “con distacco”, ma di osservarlo; il distacco verrà da sé una volta che avremo studiato – la meditazione è in parte quello – la natura e la genesi dei nostri pensieri.

Un modo per renderlo più familiare, diceva lo studioso buddhista Joseph Goldstein, è “immaginare che ogni pensiero che vi sorge in mente sia della persona che si trova accanto a voi”.
È un po’ come andare al cinema. C’è questa storia molto coinvolgente e ne veniamo tirati dentro e viviamo una serie di emozioni, ci eccitiamo, ci spaventiamo, ci innamoriamo. E poi ci fermiamo un attimo e vediamo che sono solo raggi di luce proiettati su uno schermo. Tutto quello che sembrava stesse accadendo non sta accadendo davvero. Con i nostri pensieri è uguale. Veniamo rapiti dalla storia, dal dramma, e ci dimentichiamo della loro natura essenzialmente astratta

“Perché il Buddhismo ha ragione” sarà pubblicato in Italia nel 2018 dall’editore Vallardi.