I paesi che stanno facendo di più per fronteggiare il riscaldamento globale

I paesi che stanno facendo di più per fronteggiare il riscaldamento globale

Il riscaldamento globale è un problema prioritario che deve essere affrontato subito e in modo sistematico. A causa sua già si sta registrando un importante cambiamento climatico destinato a intensificarsi e a cui dobbiamo prepararci. È quindi più che mai necessario fare qualcosa per ridurlo. Fortunatamente esistono molti esempi costruttivi: persone che stanno cercando di fare qualcosa per cambiare la situazione.

Ma sono soprattutto i governi dei vari paesi mondiali a dover prendere provvedimenti, perché se non affrontiamo il problema in modo globale, non riusciremo ad arginare gli effetti nocivi a lungo e breve termine.

Quella che puoi trovare qua sotto è una lista dei paesi che più si stanno adoperando per fronteggiare il riscaldamento globale e che a novembre si incontreranno al congresso delle Nazioni Unite a Parigi per stipulare un patto per la salvaguardia del clima.

Unione Europea

L’Unione Europea ha promesso la riduzione delle emissioni più corposa, in proporzione, fra quelle che verranno presentate a Parigi. Se pienamente rispettata l’UE potrà vantarsi di intraprendere un percorso che offre la possibilità di una riduzione delle emissioni di carbonio superiore al 50%, limitando in modo importantissimo il riscaldamento globale.

Stati Uniti

A differenza di Russia e India, che stanno aumentando le loro emissioni, gli Stati Uniti stanno da tempo intraprendendo una forte politica di contenimento. Secondo alcuni potrebbe rappresentare un traino fondamentale, perché gli Stati Uniti, ad oggi, rappresentano la seconda nazione a livello globale per contributo di emissioni.

2

Brasile

Nonostante sia una delle potenze economiche in maggiore espansione, il Brasile ha previsto delle politiche per ridurre l’inquinamento molto importanti. Ed è un segnale positivo, perché solitamente i paesi che vivono una crescita economica tendono a relegare le questioni ambientali in secondo piano.

3

Cina

Nonostante la Cina rappresenti di gran lunga il paese che grava di più sul riscaldamento globale, il premier Xi Jinping si è impegnato per fermare la crescita delle emissioni prima del 2030.

4

Giappone

Il disastro di Fukushima ha messo in ombra le politiche ambientali del Giappone che da tempo stava cercando di attuare. Ora più che mai la tendenza giapponese è mirata alla diminuzione delle emissioni con la speranza che simili catastrofi non si ripetano mai più.

5

Immagini: Copertina | 1 | 2 | 3 | 4