In Scozia è stato inaugurato il primo parco eolico galleggiante al mondo

In Scozia è stato inaugurato il primo parco eolico galleggiante al mondo

Ti abbiamo segnalato più volte grandi foto e straordinari video in alta definizione che ti mostrano i luoghi più affascinanti e famosi della Scozia. Oggi ti parliamo della Scozia non per glorificarne la bellezza paesaggistica ma per lodarne la lungimiranza in fatto di promozione delle energie rinnovabili. Nel Paese infatti è stato appena inaugurato un parco eolico di un genere davvero straordinario: si chiama Hywind e galleggia nelle acque del mare.

Lo scorso anno il primo impianto sottomarino per la produzione di energia elettrica su larga scala era stato inaugurato proprio in Scozia. Quest’anno invece, il Paese ha visto partire al largo di Peterhead, nell’Aberdeenshire, sulla costa orientale, un parco eolico off-shore. A differenza di altri parchi off-shore già esistenti, tuttavia, questo non ha le turbine posate sul fondo del mare, ma galleggianti: ciò permette di spingersi in acque più profonde. La Scozia si conferma nazione all’avanguardia in fatto di energie rinnovabili. Scopriamo Hywind insieme.

Hywind: il primo parco eolico galleggiante al mondo

Un parco eolico è costituito da un insieme di torri eoliche collegate tra loro e situate in un territorio delimitato. Il “territorio” in questo caso è il mare a 25 km dalla costa di Peterhead.

Hywind è costituito da 5 enormi torri. Assemblate in Norvegia, sono alte ciascuna 253 metri—di cui 78 metri sotto il livello dell’acqua. Le parti che le compongono hanno un diametro che si aggira sui 7 metri.

Dapprima le strutture galleggianti di colore giallo, provenienti dalla Spagna, sono state trasportate al largo e ancorate grazie a una rete di imponenti zavorre dal peso complessivo di più di mille tonnellate.

Dopodiché, le torri completamente assemblate—pale comprese—sono state montate sulle basi galleggianti, il cui sistema di ancoraggio conferisce stabilità e allo stesso tempo flessibilità alle turbine.

Il parco eolico, in funzione dallo scorso settembre, è in grado di fornire 30MW alla rete nazionale: una produzione energetica che dovrebbe essere necessaria a garantire il fabbisogno di 20 mila abitazioni.

Il progetto è del colosso petrolifero norvegese Statoil, in collaborazione con la società araba Masdar, mentre il governo di Edimburgo ha investito nel progetto circa 200 milioni di sterline.

☺️ #hywind

A post shared by Ronny Larsen (@kapteinronny) on

L’importanza del parco eolico galleggiante Hywind

Nonostante i numeri siano imponenti, di fronte all’enorme lavoro futuro sulle rinnovabili di cui governi e aziende dovranno assumersi la responsabilità, Hywind è una sorta di piccolo e importante esperimento. La bontà del progetto sta nel fatto che il sistema galleggiante messo a punto da Hywind, che si trova in acque profonde intorno ai 130 metri, potrà essere sfruttato anche in acque molto più profonde. Secondo Statoil infatti, l’80% delle aree offshore più produttive per un impianto eolico si trova in acque profonde più di 60 metri, mentre attualmente le torri eoliche offshore ancorate sul fondo marino non vanno oltre i 50 metri di profondità.

Instalar turbinas eólicas em alto mar é o santo graal da geração de energia renovável. É lá onde vigorosos ventos sopram forte o bastante para potencialmente energizar o mundo inteiro sem gerar poluição carbônica. ♻️ O projeto Hywind começou oficialmente a gerar eletricidade nessa quarta-feira (18) a cerca de 25 km da costa escocesa. É um impressionante feito da engenharia que irá gerar eletricidade o suficiente para 20 mil casas. ??????‍♀️ Um estudo recente na Proceedings of the National Academy of Sciences descobriu que fazendas eólicas em mares abertos do Oceano Atlântico poderiam gerar quatro vezes mais eletricidade que seus equivalentes terrestres. Transformar a região em uma gigantesca fazenda eólica poderia teoricamente gerar energia o suficiente para abastecer o todo o planeta. ?????? #ie #institutodeengenharia #fazendaeolica #fazenda #eolica #energiarenovavel #energia #Statoil #eletricidade #escocia #futuro #turbinas #turbinaseolicas #costaescocesa #projetoHywind #Hywind #engenharia #engenheiro

A post shared by Instituto de Engenharia (@institutodeengenharia) on

“Hywind può essere utilizzato per profondità fino a 800 metri, permettendo così di essere applicate in aree fino a oggi inaccessibili per il vento offshore”, ha spiegato Irene Rummelhoff di Statoil. Ciò mostra l’importanza del progetto in proiezione futura. Guarda il video che racconta la storia dell’impianto.

Immagini: Copertina