Ecco perché dovremmo davvero proteggere i panda

Ecco perché dovremmo davvero proteggere i panda

Il panda simbolo del WWF è la personificazione della Natura. Venne scelto, nel 1961, come logo non soltanto per il rischio di estinzione in cui versava, e versa tutt’oggi, ma perché è un animale che ispira simpatia e tenerezza.

Identificato come la specie in via di estinzione per eccellenza riceve un’attenzione mediatica, fondi e risorse che altre specie, meno note e meno simpatiche, ma nella stessa condizione non hanno.

Qualcuno potrebbe chiedersi se concentrare le attenzioni e gli investimenti nella conservazione dei panda sia giusto nei confronti di altre situazioni drammatiche. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Coservation Biology proteggere loro, in Cina, metterebbe in moto un effetto positivo sulle altre specie nella stessa condizione.

“Molti sono preoccupati che concentrandoci sul panda gigante rischieremmo di trascurare altre specie, ma non è questo il caso” ha spiegato l’autore della ricerca Binbin Li della Duke University di Durham, nella Carolina del nord. “Molti altri animali sopravvivono grazie alla sua esistenza.”

Passando in rassegna le pubblicazioni di decine e decine di naturalisti, sono state studiate tutte le specie cinesi di uccelli e mammiferi in via di estinzione. La maggior parte di loro si trova nelle montagne del sud-ovest della Cina, nella provincia di Sichuan: il luogo esatto in cui il panda gigante sopravvive.

L’habitat dei panda si sovrappone per il 70% a quello degli uccelli da proteggere, per il 70% a quello dei mammiferi e per il 31% all’habitat delle piante.

Concentrare le risorse su queste zone in cui il panda riesce a vivere, permette di inglobare nelle aree protette altre specie di animali che possono vivere e riprodursi tranquillamente.

“Il fatto che ci siano molte altre specie in via di estinzioni in queste riserve è un incentivo in più per proteggerli” ha detto Ben Collen dello University College di Londra.

Visto che alcune altre specie di animali non godono della stessa fortuna dei panda, perché non hanno riserve a loro dedicate, proteggere i primi aiuterebbe di gran lunga, e senza dispendio economico, anche loro.

Immagine via Flickr