Il ristorante berlinese che cucina solo scarti

Il ristorante berlinese che cucina solo scarti

Ti sei mai chiesto che fine fa il cibo invenduto dei supermercati? I prodotti che non hanno una scadenza, come ad esempio frutta e verdura, ma che comunque non possono essere ripresentati ai clienti, magari perché leggermente danneggiati? Dove vanno a finire tutti questi scarti?

Purtroppo, non siamo abbastanza consapevoli dell’enorme spreco alimentare che ogni giorno avviene nel mondo occidentale: gli alimentari e i supermercati gettano via ogni giorno una quantità enorme di cibo ancora buono, che per qualche motivo non rispetta lo standard di vendita, ma che non sarebbe assolutamente necessario far finire nell’immondizia.

Da alcuni anni, in giro per l’Europa esistono attivisti che hanno deciso di sensibilizzare su questa tematica importantissima per ridurre gli sprechi che il consumismo sfrenato produce da decenni.

Recentemente, ad esempio, è stato aperto a Berlino il ristorante Restlos Glücklich, un locale totalmente non-profit che basa tutto il proprio menù sull’utilizzo di ingredienti recuperati.

L’idea è quella di rifornirsi esclusivamente in quei supermercati che alla fine di ogni giornata donano gratuitamente i prodotti che non possono più mettere sugli scaffali, e creare ricette creative e deliziose grazie all’utilizzo degli scarti.

L’obiettivo è quello, appunto, di sensibilizzare sul consumo consapevole ed equo: una priorità che si sta facendo sempre più impellente. Non solo per lo spreco, ma anche per il tasso di inquinamento che una filiera industriale in eccesso produce.

Il governo francese, ad esempio, ha recentemente fatto entrare in vigore una legge che proibisce ai supermercati di gettare la merce invenduta che può essere ancora utilizzata e li obbliga a donarla in beneficenza.

Restlos Glücklich segue un filone di pensiero nato nel 2013 in Germania, con l’associazione Foodsharing che segnala ad una rete di consumatori i punti di raccolta cibo (come ristoranti e piccoli esercenti) che offrono scarti che altrimenti andrebbero buttati.

È un progetto che ha seminato epigoni un po’ in tutta Europa: come Fruta Feia in Portogallo, ad esempio, o The Real Junk Food Project, un ristorante di Leeds che segue gli stessi dettami.

Oltre alla ristorazione, Restlos Glücklich offrirà anche corsi di cucina per insegnare come ricavare ottimi pasti dagli sprechi industriali e workshop su come avviare attività del genere. Se vuoi contribuire al progetto, potresti visitare la loro pagina crowdfounding.

Immagini: Copertina