Questo studio spiega come abbinare scientificamente i colori dei vestiti per essere alla moda

Questo studio spiega come abbinare scientificamente i colori dei vestiti per essere alla moda

La moda è sempre in continua evoluzione: in passerella i canoni di bellezza stanno cambiando sempre di più, i consigli di stile possono essere suggeriti da robot, e le tecniche per vestirsi in base alla propria corporatura stanno diventando ancor più sofisticate.

Per quanto la moda possa cambiare, però, un presupposto sempre immutato: l’importanza dell’abbinamento. L’armonia di quello che indossiamo, infatti, è rilevante sia in base al contesto in cui ci troviamo sia in base al nostro stile personale.

Per capire come riuscire a essere sempre vestiti in modo adeguato e piacevole, un gruppo di ricercatori provenienti da diverse università—University of North Carolina, Carnegie Mellon University e Duke University—ha esaminato il legame tra i vari colori indossati e l’aspetto “alla moda”.

Dallo studio si è cercato di comprendere come una corretta combinazione dei colori possa dare una percezione esterna migliore e quindi essere sempre considerati una persona che si veste bene. Per farlo e individuare questa esatta correlazione, i ricercatori hanno sottoposto a un gruppo di volontari delle diverse palette di colori.

I risultati hanno mostrato che l’abbinamento, ad esempio, tra una maglietta e dei pantaloni dello stesso identico colore rientrerebbe automaticamente nella zona dell’”ultra-abbinato” e che quindi sarebbe poco piacevole alla vista. Ma sembra che lo stesso effetto si otterrebbe nel caso opposto. Ovvero, quando abbiniamo troppi indumenti di diverso colore insieme.

Secondo le conclusioni dello studio, infatti, l’effetto “alla moda” sarebbe massimo solo quando esiste un perfetto equilibrio. Insomma, quando i colori degli abiti indossati non sarebbero né di una gradazione troppo simile ma neanche troppo diversa.

Immagine via Flickr