Una notte nel deserto con la Superbike!

Una notte nel deserto con la Superbike!

Il deserto è quello del Qatar, la notte invece è il momento scelto per effettuare le ultime due manche del campionato Mondiale Superbike 2014 sul circuito di Losail.

L’autodromo, situato nei pressi di Doha, è una striscia di asfalto che si stende realmente sulla sabbia del deserto qatariano. Come in tutti i deserti le temperature durante il giorno raggiungono livelli elevatissimi, per tale motivo le gare vengono disputate quasi sempre in notturna.

SBK Losail Hello bank!

Circuito di Losail

Tom Sykes si è presentato all’ultimo appuntamento della stagione come vincitore quasi accreditato del titolo, forte di 12 punti di vantaggio sul suo diretto inseguitore, il pilota dell’Aprilia Sylvain Guintoli, per il britannico sembrava quindi un gioco da ragazzi. La Superbike però, come al solito, ha riservato grosse sorprese, sia in pista che fuori.

Fin dalle prove del venerdì la Kawasaki di Sykes è sembrata non essere completamente a proprio agio sul circuito del deserto, al contrario dell’Aprilia di Guintoli che ha mostrato subito di avere un buon passo per la gara. I due piloti avevano quindi dei compiti precisi ben e distinti per portare a casa il titolo: Guintoli vincere entrambe le gare sperando in qualche errore dell’avversario che lo relegasse almeno al terzo posto in una delle due le manche; per Sykes invece arrivare sempre davanti al francese, in qualsiasi posizione.

Ancora una volta però gli ordini di scuderia hanno fatto da padrone, determinando di fatto il risultato finale del campionato. Guintoli domina Gara 1, Sykes è in terza posizione con davanti il compagno di scuderia Loris Baz al quale il team Kawasaki chiede di lasciare una posizione in favore del britannico ma, con un colpo di scena finale, l’ordine non viene rispettato. In Gara 2 lo scenario è quasi identico, Guintoli al comando e Sykes in seconda posizione stavolta anche lui obbligato a vincere la gara, per portare a casa il titolo, per via del risultato della prima manche. Guintoli però non cede e vince meritatamente sul campo il Campionato del Mondo Superbike 2014.

Le polemiche sono ovviamente alle stelle, su Twitter impazzano i botta e risposta dei vari piloti, arrivando quasi alle offese personali. Per chi volesse seguire la diatriba gli account sono: @TheRealTomSykes, @LorisBaz, e @SylvainGuintoli.

Il Campionato del Mondo Superbike 2014 chiude il sipario ma… solo pochi giorni e si comincerà a parlare di test invernali, la stagione 2015 è alle porte!