10 trucchi per affrontare la giornata dopo una notte insonne

10 trucchi per affrontare la giornata dopo una notte insonne

Le ore medie di sonno sono strettamente legate alla tua età. Per esempio, mentre un neonato ha bisogno di dormire tra le 14 e le 17 ore, un adulto ha la necessità di riposare tra le 7 e le 9 ore a notte.

In generale, il sonno e ciò che avviene durante la fase REM sono costantemente oggetto di studi scientifici. Secondo alcuni studiosi è importante capire qual è l’ora giusta per andare a dormire, per altri ancora comprendere come il nostro cervello elabori i nostri ricordi durante una nottata di riposo.

Se appartieni alla fascia d’etàadulti”, ovvero hai un’età compresa tra i 26 e i 64 anni, saprai bene che non è sempre possibile dormire bene o a sufficienza. E anche praticare l’Inemuri, l’arte giapponese di dormire nei luoghi pubblici, non basterà a stabilizzare lo scompenso.

Per aiutarti ad affrontare una giornata dopo una notte insonne, però, il New York Magazine ha pubblicato qualche tempo fa un video che dispensa un po’ di trucchi che, prima o poi, potrebbero tornarti utili.

Per esempio, procrastinare la sveglia non è affatto utile: sembra proprio che qualche minuto in più e in dormiveglia non migliori la situazione. Inoltre, è importante fare colazione entro un’ora dal risveglio, in quanto si guadagnerebbe un po’ di lucidità. Ma attenzione: evita di superare la dose consigliata di caffè. Basta una tazza in più per sortire l’effetto opposto a quello desiderato.

Se è possibile, stai un po’ all’aperto per respirare aria pulita e, appena arrivato in ufficio, occupati subito del lavoro più difficile da sbrigare. Le prime ore dopo il risveglio, infatti, sono quelle in cui si hanno maggiori energie.

In seguito, concediti pure un altro caffè, te lo sarai meritato. Subito dopo, però, non ti abbuffare a pranzo, resta leggero. Magari pasteggia con del riso o delle verdure grigliate. Così, a fine pasto, potrai concederti un altro caffè prima di rimetterti a lavoro. A quel punto, potrai occuparti delle cose più meccaniche e meno impegnative a livello mentale.

Infine, se puoi, esci qualche minuto prima dall’ufficio. Recupererai nei giorni successivi.

Immagine via Flickr