Al via il mega concorso INPS

Al via il mega concorso INPS

Dopo dieci anni, si torna a parlare di mega assunzioni all’Inps. Ad annunciarlo è stato lo stesso presidente Tito Boeri con un tweet, al quale sono seguite subito delle critiche in merito ai criteri scelti per individuare il nuovo personale. Soprattutto per un requisito in particolare: il famigerato certificato B2 per la lingua inglese che i 1080 nuovi dipendenti nell’ente previdenziale dovranno possedere.

Si tratta di polemiche nate sia perché il livello B2 (una conoscenza medio-alta della lingua) è stato ritenuto troppo elevato, sia perché e soprattutto il certificato che lo attesta è rilasciato a pagamento da enti certificati, ovvero scuole autorizzate dal MIUR. Inps non ne ha fatto mistero, anzi fornisce una guida per spiegare cosa sia il B2 e come si ottiene la certificazione.

Laurea magistrale in economia, ingegneria gestionale o legge, oltre al certificato B2 di inglese”, questa è nello specifico la lista dei requisiti annunciata da Boeri. 

Più nel dettaglio, tra i requisiti per l’ammissione al concorso è prevista la laurea magistrale/specialistica nelle seguenti discipline: scienze dell’economia, scienze economico-aziendali, ingegneria gestionale, scienze dell’amministrazione, giurisprudenza e teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica (ovvero diploma di laurea secondo il vecchio ordinamento corrispondente a una di tali lauree magistrali).

A livello pratico, l’obiettivo del bando è di assumere inizialmente 365 lavoratori, per poi estendere l’offerta a ulteriori 730 laureati. “Pensiamo che sia un modo per dare un messaggio importante al Paese in cui c’è una disoccupazione intellettuale così ampia”, ha spiegato Boeri.

Più in dettaglio, sul sito dell’Inps viene specificato che le 365 posizioni sono per “analisti di processo-consulente professionale, area C, posizione economica C1”. Mentre “presso i Ministeri competenti sono in corso le procedure che potranno consentire l’ampliamento dei posti a disposizione fino a oltre mille”.

mega concorso inps 2

Ma come presentare la domanda? Secondo il bando, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 7 novembre, i candidati devono presentare la loro candidatura, esclusivamente online, entro le ore 16.00 del 31esimo giorno che decorre dal giorno dopo la pubblicazione. La domanda inviata, protocollata e controfirmata, dovrà essere poi presentata il giorno della convocazione. Il concorso consterà di due prove scritte e una orale.

La prima prova scritta è di tipo psico-attitudinale; seguita dalla seconda che è di tipo tecnico-professionale su materie di diritto, economia, contabilità. Superano le prove i candidati che ottengono almeno ventun trentesimi (21/30). Vengono poi assegnati i voti anche i titoli e coloro che possiedono una conoscenza della lingua di Albione pari ad almeno C1—ovvero un livello più alto del B2—avranno in dote 5 punti aggiuntivi. Infine la prova oraleche verterà sulle stesse materie di quella scritta tecnico-scientifica—sarà poi quella decisiva. 

Una bella notizia o semplicemente una scelta che porterà alla sotto-occupazione (ovvero a occuperà una posizione di lavoro inferiore a quella che dovrebbe portare a chi si laurea, un problema già analizzato proprio da Hello!Money)? Una risposta, interpretabile, la fornisce lo stipendio dei mille nuovi analisti: poco più di 21mila euro annui, come apprendiamo dal Contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale del comparto Enti Pubblici non economici

Immagini via Unsplash| Copertina | 1