Quando l'organizzazione del matrimonio diventa un business

Quando l'organizzazione del matrimonio diventa un business

Dimenticate i tempi in cui mamme, sorelle, zie e nonne aiutavano le future spose nella scelta degli acquisti e dell’organizzazione del matrimonio. Oggi i tempi sono cambiati e, grazie a internet, gran parte degli acquisti possono essere fatti online direttamente dai futuri sposi, comodamente seduti sulla propria poltrona di casa.

Sono veramente tanti, infatti, i siti di shopping dedicati a questo settore di marketing, sempre più in crescita. Uno fra tutti è Martha’s cottage, una start-up siracusana nata a fine 2013 dall’intuizione di Salvatore Cobuzio, Ceo della start up, e Simona Canto, con Laura Bevilacqua e Tiziana Mendolia. L’azienda è riuscita in cinque anni a soddisfare più di 18mila sposi e a raggiungere nell’agosto 2017 il primo milione di euro di fatturato.

Come funziona Martha’s cottage

La start-up ha colto un’esigenza da poco presente sul mercato di cui non molti si erano accorti: quella dei millennial di utilizzare il web anche per organizzare i propri matrimoni. E la scelta di essere solo uno store online ha permesso di espandersi anche oltre i confini nazionali ed erodere anno dopo anno una fetta di mercato più ampia.

Sul sito oggi si possono trovare più di 1.500 prodotti e accessori: dalle idee per le bomboniere a tutto il materiale per la cerimonia – cestini portafedi, coni riso, parasole e ombrelli – ma anche palloncini e nastri e tutto quello che può servire per le feste di addio al celibato e nubilato. E l’obiettivo, al momento, è quello di espandersi ancora di più sul mercato europeo, con le vendite che in Francia, Germania e Spagna raggiungono il 15% dei ricavi. Un obiettivo che non sembra poi tanto difficile per una start-up che ha superato il break-even, andando in utile già dopo i primi tre anni di attività e ad oggi conta un organico di 23 persone, con obiettivi di crescita nel 2018.

Immagine di Katarzyna Grabowska via Unsplash.

Immagine di Sweet Ice Cream Photography modificata in b&n via Unsplash.

Gli altri siti di shopping dedicati al matrimonio

A far da concorrenza alla start-up siciliana, anche se il fondatore dice di non temerla perché “non siamo solo un e-commerce, è il colosso Amazon, che ha al momento una vetrina di Handmade Wedding dedicata al settore del matrimonio disponibile solo negli Stati Uniti, ma con prodotti acquistabili, ovviamente, da ogni parte del mondo. E anche qui si strizza l’occhio al marketing, cercando di conquistare più clienti, approfittando delle offerte prime o inserendo tra i criteri di ricerca per prezzo un accattivante “sotto i 25 dollari L’offerta è la più ampia possibile: dai gioielli per la sposa di ogni range di prezzo, agli accessori per gli sposi e per il viaggio di nozze, agli inviti per la cerimonia e fiori artificiali. Insomma una scelta possibile per tutte le tasche.

Tornando in Italia, dalla Sicilia di Martha’s cottage altra protagonista nel settore è la Sardegna, terra di sviluppo di EmozionicoiFiocchi, wedding e-commerce dedicato al matrimonio. In questo caso l’offerta è un po’ più ristretta, ma anche qui online si possono scegliere e comprare bomboniere, confetti, coni porta riso, segnaposto, tutti dedicati al grande giorno. L’e-commerce è una costola di Sara Events, un’agenzia nata dall’idea di Sara Carboni che inizia la sua attività come wedding planner e, solo nel 2014, decide di dedicarsi anche alla vendita online. Anche in questo caso, quindi, c’è stato un ampliamento della possibile platea destinataria. Così nello staff si è aggiunto un posto di lavoro per un’altra donna a cui, nei momenti di maggiore richiesta, se ne affiancano altre due.

Di matrimoni, ma non solo, si occupa anche Matrimoniefeste.it, che si propone di “trasformare le vostre feste in giorni speciali”. Nato nel 2008 da un’idea di Manuela Orelli, il sito è un catalogo online su cui trovare decorazioni per i tavoli, bomboniere, porta confetti, guest book. E anche in questo caso c’è una sezione dedicata ai prodotti in offerta. La spedizione standard è assicurata in 24/48 ore, tranne per gli articoli personalizzati per cui in fase di acquisto è fissata una data diversa. A differenza degli altri, Matrimoniefeste non ha come target solo quello delle nozze e, infatti, vende prodotti e gadget anche per battesimi, comunioni o per festività come il Natale.

Immagine di Katarzyna Grabowska via Unsplash

Immagine di Katarzyna Grabowska via Unsplash.

I siti dedicati alle unioni arcobaleno

Se, invece, è una coppia gay che cerca aiuto o gadget per la propria unione civile, anche in questo settore iniziano ad affacciarsi diversi siti/negozi, consci delle possibilità di bussiness in crescita. Un’agenzia nata nel 2015 appositamente per questo mercato è Orchestra, Italian Weddings for Equal Love. L’idea è venuta a quattro professionisti under 45 che già lavoravano nel settore degli eventi, della moda e della comunicazione e che hanno deciso di investire in questo campo come seconda attività.

Miriam Bertaina, Biagio Luca Intorella, Silvia Monteverdi e Fabio Umiltà, hanno deciso di “coniugare le bellezze dell’Italia con le esigenze ad hoc delle coppie gay” e ad oggi hanno riscosso molto interesse soprattutto da clienti provenienti dal Sud America, Russia e Stati Uniti. Loro, come una vera orchestra, si occupano di tutto: dalla location alle partecipazioni, dal catering all’accoglienza degli ospiti, dalle foto ai giochi pirotecnici. Tutto partendo da un budget minimo di 10mila euro.

Anche Martha’s cottage non è stata a guardare e ha introdotto una nuova sezione di shopping online dedicata alle coppie gay: dai cake topper ai palloncini, fino al guestbook.

E per gli acquisti online per le unioni arcobaleno si può visitare anche Il villaggio degli sposi: un punto vendita nato nel 2009 a Roma, che con il tempo ha deciso di dedicarsi anche alla vendita online dei prodotti. Si va dai salvatacchi per la sposa a tutti gli accessori per la cerimonia – cuscini portafedi, conetti e cestini porta riso – a tutti i prodotti esclusivamente per le coppie gay: guest book arcobaleno, cake topper o partecipazioni per coppie omosessuali.

Insomma se nel 2018 l’obiettivo è quello di sposarsi, non si può evitare di dare un’occhiata a questi siti, rilassarsi davanti allo schermo del computer e cominciare a fare acquisti.

Immagine di copertina di Samantha Gades via Unsplash.