Come organizzare il tuo matrimonio spendendo poco

Come organizzare il tuo matrimonio spendendo poco

Un matrimonio in pompa magna può costare diverse decine di migliaia di euro. Una cifra importante anche se si dispone della liquidità necessaria a coprirla, assolutamente folle se al contrario è necessario indebitarsi per poterla affrontare.

Anche perché la ricchezza del ricevimento e la bellezza degli abiti non garantirà nessuna felicità futura. Al contrario, un matrimonio sul quale si è investito molto può creare situazioni di stress e tensione, esattamente il contrario di quello che dovrebbe essere lo stato d’animo nell’affrontare i festeggiamenti. E creare anche dei danni sul lungo periodo: le difficoltà economiche possono minare la stabilità di una coppia, e sarebbe una beffa se queste difficoltà fossero state prodotte dalla decisione di indebitarsi per organizzare un matrimonio sfarzoso.

È comprensibile desiderare che il giorno del matrimonio sia perfetto, ma è bene fermarsi a riflettere se davvero la perfezione sia raggiungibile soltanto dando fondo a tutti i propri risparmi e condannandosi a pagare rate per diversi anni a venire, e su quali sono le reali motivazioni dietro il desiderio di avere nozze sontuose.

Spesso infatti è la pressione sociale a indurre i futuri sposi e le loro famiglie a far lievitare a dismisura il budget nuziale, la sensazione di dover eguagliare lo sfarzo di cerimonie e ricevimenti di amici e parenti. Ma è davvero necessario spendere una fortuna per passare una giornata memorabile? Certamente no.

Pensare a un matrimonio low cost

Il primo aspetto da considerare è la lista degli invitati, un aspetto sul quale la pressione di familiari e conoscenti può avere effetti particolarmente dannosi per il portafogli (e non solo: basta pensare allo stress di dover intrattenere un paio di centinaia di invitati durante la propria festa).

Non si deve quindi temere di dire a lontani parenti e conoscenti che si è deciso di festeggiare solo con le persone più vicine: se si pensa di dover invitare necessariamente tutti coloro che si conoscono e tutti i parenti fino all’ottavo grado si è già perso in partenza. Del resto, basta pensare a tutti i ricevimenti di nozze cui si è partecipato malvolentieri: i matrimoni sono piacevoli soltanto per chi ha un reale legame affettivo con gli sposi!

Gli abiti

L’abito da sposa può avere costi stratosferici, soprattutto per chi decide di sposarsi in chiesa. Ma non ha molto senso spendere cifre a quattro zeri per un abito che si indosserà soltanto una volta.

Si può chiedere a una brava sarta di confezionare un abito simile a quello visto sulle riviste patinate. Oppure, se proprio non si vuole rinunciare a un abito firmato da un designer di grido, si potrà pensare di noleggiarlo, visto che comunque l’abito finirebbe per prendere naftalina nell’armadio–una scelta consigliabile anche per lo sposo, se decide di sposarsi in tight.

In alternativa, se la sposa non vuole un look troppo classico, può decidere di acquistare al posto dell’abito da sposa un vestito da sera in seta, di colore bianco, écru o in toni pastello; le più audaci potranno addirittura azzardare con il rosso.

Il costo sarà decisamente inferiore a quello di un abito da sposa, e il vestito potrà essere riutilizzato in futuro. Alcuni negozi specializzati in abbigliamento da cerimonia vendono anche degli abiti da damigella che possono essere adatti anche per una sposa. Inoltre, anche per lo sposo sono ormai disponibili vari negozi d’abbigliamento in cui un completo adatto a un matrimonio può arrivare a costare sotto i 100 euro.

matrimonio 3-min

Un aiuto dagli amici

All’amico con l’hobby della fotografia si potrà chiedere, come regalo di nozze, di occuparsi di immortalare il grande giorno. A chi ha l’hobby della musica si potrà chiedere di suonare o di fare il dj. A chi ha una grande casa con giardino si potrà chiedere di ospitare la festa, agli esperti di cake design di confezionare la torta.

E per risparmiare sul viaggio di nozze si potrà aprire una lista in un’agenzia di viaggi, invitando amici e parenti a versare una quota anziché impegnarsi con i regali tradizionali. Del resto, un bel viaggio regala ricordi indimenticabili (e ben più apprezzati di collezioni di cornici d’argento e batterie di pentole).

Piccoli accorgimenti

Sposarsi da maggio e settembre è ben più costoso che in altri periodi dell’anno. Se proprio non si vuole rinunciare a un matrimonio nella bella stagione, si può optare per i giorni infrasettimanali, meno gettonati rispetto al weekend.

Per risparmiare sulle partecipazioni, si può fare da sé: basta prepararle al computer e poi stamparle su del cartoncino spesso, che poi si può far ritagliare in copisteria. Se si ha una bella calligrafia, si possono scrivere gli inviti a mano su dei cartoncini bianchi o écru. Anche per le bomboniere si può ricorrere al fai-da-te, magari con l’aiuto di amici e parenti: basta fare una ricerca su Google per trovare moltissimi tutorial a riguardo.

Sui fiori è consigliabile esercitare una certa moderazione per evitare di spendere troppo. Un piccolo bouquet di fiori di stagione e un addobbo discreto sono una scelta elegante, oltre che economica.

matrimonio 2

Un pranzo economico

Chi lo ha detto che il pranzo di nozze debba essere a base di salmone e aragosta? Si può scegliere un menu meno costoso prevedendo piatti tipici locali. E senza esagerare con il numero di portate.

Anche la scelta del fornitore è un aspetto importante da considerare: un catering organizzato con piccoli ristoranti a gestione familiare o titolari di home restaurant può aiutare ad abbattere ulteriormente il budget. Ovviamente è sempre meglio una formula a buffet, anziché quella con le portate servite a tavola, perché consentirà di risparmiare sul numero di camerieri per il servizio.

Trucco e parrucco

Per trucco e acconciatura, si può richiedere una prova senza specificare che serve per un matrimonio, visto che solitamente per le cerimonie le cifre lievitano magicamente. Meglio scegliere una pettinatura semplice e un trucco naturale, che costeranno meno e valorizzeranno la bellezza della sposa senza stravolgerla.

Andare personalmente dal parrucchiere e dall’estetista, anziché farli venire a domicilio, è un altro sistema per tenere a bada i costi. Per abbattere la spesa si può anche provare con l’acquisto di coupon su siti specializzati come Groupon e Groupalia, soprattutto per le cure per il viso nel periodo precedente il matrimonio. Ma anche per l’acconciatura si può provare con i coupon, basterà comprarne due: uno per la prova e uno per il grande giorno.

Immagini via Flickr | Copertina | 1 | 2

Maristella Loiudice