Guida per prenotare voli low-cost per le tue vacanze

Guida per prenotare voli low-cost per le tue vacanze

Capodanno è alle porte, e a tanti fa gola l’idea di un breve viaggio all’estero, magari tra le vie addobbate a festa di qualche capitale europea. C’è un problema però: i costi proibitivi dei biglietti aerei nel periodo di fine anno (anche se non più come in passato).

Qualche esempio con Ryanair, la compagnia più economica in assoluto. Un volo Roma Madrid dal 24 al 27 di dicembre viene sui 270 euro, circa il doppio rispetto ai periodi di bassa stagione. Se da Milano si vuole atterrare a Londra dopo il pranzo del 25 per poi rientrare agli albori dell’anno nuovo il costo si aggira intorno ai 200 euro. E per un Capodanno a New York? Si può spendere fino a circa 1500 euro.

Niente panico però, perché con qualche piccolo accorgimento è possibile acquistare un volo risparmiando (anche sotto le feste).

Puntare sugli aeroporti alternativi

L’esempio più classico è Londra, dove si può scegliere di atterrare al più costoso Gatwick, così come nei meno ‘expensive’ Luton o Stansted, classici hub di Ryanair. Lo stesso accade con Los Angeles, che dispone di Long Beach così come di Lax; o con New York che ha sia Newark che Jfk.

Così, mentre si sta prenotando un volo basterà inserire l’opzione ‘Tutti gli aereoporti‘ nel tasto di ricerca e il gioco sarà fatto. Lo consentono portali come Expedia/Kayak/etc. E non c’è da disdegnare neppure l’ipotesi di arrivare invece che alla città di destinazione, in un’altra vicina ma meno dispendiosa e magari raggiungibile in un paio d’ore di macchina. Del resto, come qualcuno disse, l’importante è il viaggio e non la destinazione.

guida voli low-cost 2

Pulire i cookies

Sembra incredibile, ma niente come un’operazione simile potrebbe contribuire a far scendere i prezzi dei voli. La logica è quella della relazione tra domanda e offerta, ovvero più un bene è richiesto più costerà. E considerando che i cookies sono come la memoria del computer, conservando traccia di movimenti e ricerche effettuate sul web, cancellarli significa eliminare ogni dato riguardo identità e gusti dell’utente. Le compagnie aeree hanno infatti sistemi informatici che monitorano le loro richieste, rendendo automaticamente più cari gli spostamenti più cliccati.

Così, una cancellazione di massa dei cookies provocherebbe la discesa dei prezzi. Per i più scettici non basterebbe neppure questo, convinti invece che le compagnie aeree siano capaci perfino di controllare gli indirizzi IP, associati a un solo device. Il modo per aggirare il controllo in questo caso sarebbe quello di cambiare la postazione di ricerca: al lavoro, a casa, al bar, in modo da non svelarne la provenienza.

guida voli low-cost 3

Evitare di prenotare sabati e domeniche, o nei giorni festivi

Non sarà facile se si tratta di un viaggio di lavoro. Ma se invece si parte per motivi personali, meglio optare per date non quotatissime. Secondo il sito FareCompare il miglior momento per comprare online un biglietto di andata e ritorno ad alta quota sarebbe il martedì alle 3 del pomeriggio, orario da tarare sui vari fusi orari naturalmente.

Per lo stesso motivo sarebbe da evitare il venerdì nella fascia serale perché spesso intasato dai rientri di chi lavora fuori e torna dalla famiglia il weekend. Un’idea per partire per un fine settimana potrebbe essere allora decollare un sabato mattina presto per essere di ritorno il lunedì. E in generale i giorni migliori—nel senso di più economici—per muoversi sarebbero il martedì, il mercoledì e il sabato. Provare per credere. In ogni caso l’opzione migliore è verificare il prezzo più volte nel corso della settimana.

Controllare più siti web

Non fermarsi al primo biglietto trovato. Per agguantare l’offerta migliore vanno scandagliate varie tariffe. Spesso i motori di ricerca di voli aerei usano algoritmi differenziati, con il risultato di far apparire prezzi e combinazioni diverse per uno stesso tragitto. Quindi prima di premere sul tasto ‘acquista’, fermatevi un attimo per un check. Chissà che non spunti qualche prezzo stracciato. O altrimenti si possono impostare più alert che preannuncino gli sconti.

guida voli low-cost 4

Non contano solo le tariffe

Se tra voli diversi su una stessa tratta ci sono pochi spiccioli di differenza, ha senso andare a verificare altri aspetti oltre il peso che il biglietto avrà sulle nostre tasche. Ci sono siti (Routehappy, comand) che svelano ad esempio se la flotta di una compagnia aerea dispone di migliori poltrone, più spazio tra i sedili, o di un catering quantomeno passabile. A volte sborsare qualche euro in più potrebbe tradursi in un viaggio più piacevole. E non è cosa da poco.

Considerare le spese “a tradimento”

Se il prezzo che appare sulla schermata poco prima dell’acquisto è particolarmente basso, fate attenzione a che non si nasconda qualche tranello nel corso dell’acquisto. E non parliamo solo di richieste di assicurazioni sul viaggio o di bagagli aggiuntivi, che saranno facilmente declinabili.

Ma per esempio della necessità di prenotare una stanza d’albergo nel caso in cui la partenza sia di primissima mattina. O il rifornimento di benzina necessario a raggiungere un aereoporto più lontano, e ancora le spese di un pasto da consumare in attesa di imbarcarsi. Tutti soldi che compenseranno il risparmio ottenuto scegliendo il prezzo più conveniente.

Immagini | Copertina | 1 | 2 | 3