Guida alla sopravvivenza quotidiana sul posto di lavoro

Guida alla sopravvivenza quotidiana sul posto di lavoro

L’insoddisfazione sul lavoro può essere una grande fonte di stress. Un importante tassello della realizzazione personale dovrebbe quindi passare per una maggiore serenità e appagamento professionale soprattutto se—come accade di questi tempi—cambiare lavoro non è sempre un’opzione realistica. Hello!Money ha messo insieme alcuni consigli per trovare una maggiore soddisfazione nella tua giornata lavorativa e quindi vivere una vita più serena.

[advertise id=”hello-amazon”]

Come convivere con colleghi e capi che non ci piacciono

In un recente libro, Luca Stanchieri offre una serie di suggerimenti su come riconoscere le persone negative al lavoro—dal sadico, che prova soddisfazione nel rendere miserabile la vita altrui, all’incompetente seriale. Stanchieri propone anche alcuni consigli pratici per evitare che l’interazione quotidiana con queste persone ti renda insopportabile il lavoro:

1) Puntare sul tuo talento

2) Promuovere la tua autonomia

3) Evitare di mettere a nudo i tuoi punti deboli

4) Fare fronte comune con i colleghi più sensibili

5) Tenere traccia scritta delle angherie subite,

6) Cercare di creare spazi per te stesso durante le ore di lavoro,

7) al limite, lavorare meno (quando gli sforzi non sono comunque riconosciuti).

Come conoscere te stesso (e i tuoi talenti)

Persino su WikiHow esiste una pagina in cui si dispensano consigli per ottenere soddisfazione professionale. Il primo suggerimento è quello di fare un’autoanalisi delle tue debolezze, dei tuoi punti di forza e della tua propensione per il tuo attuale lavoro. Questo ti consentirà innanzitutto, laddove sia possibile, di scegliere un lavoro che ti sia più congeniale e di lasciar perdere quelli per i quali non sei tagliato. Ma l’esercizio è utile anche per cercare di trarre il meglio dalla situazione lavorativa attuale, anche se non sei impegnato nel lavoro dei tuoi sogni.

Un altro consiglio è quello di svolgere le tue mansioni onestamente e con massimo impegno, un consiglio che ovviamente è tanto più utile se ti trovi in una condizione in cui gli sforzi vengono riconosciuti. In caso contrario, è bene fare il proprio lavoro con impegno ma senza eccedere nello stakanovismo, preservando prima di tutto la tua salute.

lavoro foto 2

Come imparare sempre nuove cose

Una chiave della realizzazione è quella di continuare a imparare. Cerca di conoscere le best practice per il tuo lavoro, ma anche di affrontare con entusiasmo eventuali seminari e meeting che potrebbero offrire nuove prospettive e insegnare cose nuove.

Se al lavoro non vengono offerte possibilità per crescere e migliorare la tua conoscenza, si può sempre ricorrere all’autoformazione: seguire nel tempo libero corsi online su come ottenere visibilità su LinkedIn, oppure i Mooc (massive open online courses, offerti dalle università attraverso le piattaforme elettroniche e spesso accessibili anche gratuitamente). Migliorare la tua preparazione è utile nella prospettiva di cambiare lavoro, o ottenere una posizione migliore, quindi è un aspetto importante se vuoi migliorare la tua realizzazione professionale.

Come mantenere un approccio rilassato 

Una delle regole più importanti rimane quella di cercare di avere un atteggiamento positivo già dal mattino, quando esci di casa: riposa adeguatamente, alzati in tempo, in modo da non dover saltare la colazione o dover correre per arrivare in orario al lavoro. Se decidi di investire sul tuo attuale lavoro—magari con un maggiore impegno, assumendo un atteggiamento più propositivo e cercando di spostarti su mansioni più interessanti—dovrai avere un po’ di pazienza, perché il cambiamento o l’apprezzamento potrebbero non arrivare subito.

Un’altra cosa da non fare è coltivare la frustrazione se i nostri risultati sono inferiori a quelli dei colleghi. Una regola importantissima è cercare di mantenere relazioni serene sul luogo di lavoro: carca di non inimicarti nessuno, evita i commenti sgradevoli alle spalle di capi e colleghi, i conflitti su questioni futili, mostrarti amichevole e gentile con gli altri per quanto possibile.

Farsi degli amici in ufficio è il modo migliore per apprezzare le giornate lavorative. Anche in posizioni che esigono ritmi sostenuti è importante cercare di ridurre lo stress, magari prendendo qualche breve pausa durante il giorno. Se hai la possibilità di uscire nella pausa pranzo è sempre meglio farlo, anziché mangiare un panino davanti al computer: spesso il tempo impiegato è lo stesso, ma ci si guadagna in salute e in buon umore.

Come organizzare al meglio il tuo tempo

Una delle maggiori fonti di stress professionale è la rincorsa alle scadenze. Una buona organizzazione è essenziale per vivere serenamente le proprie giornate lavorative. Per non perdere tempo e non rischiare di arrivare trafelati alla fine della giornata è sempre una buona abitudine prendere nota di ciò che si deve fare, stabilendo un ordine in base alle priorità. Di fronte a una consegna che sempre impossibile, non convincerti di non essere in grado di rispettarla.

Meglio cercare di fare una pianificazione, considerando con attenzione e onestà quali sono i tempi che normalmente impieghi per fare le cose richieste. Se la scadenza è alla tua portata, non c’è ragione di angosciarti: prova a organizzarti senza perdere tempo ed energie in attività non essenziali. Se invece la scadenza non è alla tua portata, se le condizioni lo consentono è meglio ridiscutere la deadline con i superiori oppure, quando possibile, chiedere l’aiuto dei colleghi.

Immagini | Copertina | 1