5 paesi dell’America Latina dove rifarsi una vita

5 paesi dell’America Latina dove rifarsi una vita

Mollare tutto e ripartire da zero in un Paese caldo e ospitale. Di sicuro l’idea ti è passata per la testa almeno una volta nella vita. E sono tanti gli italiani che l’hanno già fatto. Ecco qualche suggerimento per chi sogna di compiere il grande passo.

Costa Rica

Spiagge bianche, palme e acque cristalline sono gli ingredienti di una vacanza da sogno. A maggior ragione, di una vita da sogno! La Costa Rica non è solo il Paese più avanzato del mondo nella protezione dell’ambiente e nella sostenibilità, ma anche il più felice (o almeno così dice l’Happy Planet Index).

Con poco più di 4 milioni di abitanti, un clima mite tutto l’anno, e un costo della vita più basso di quello italiano, la Costa Rica è perfetta anche per reinventarsi, magari nell’ecoturismo, nella ristorazione o nell’import-export.

paesi america latina

Il made in Italy è molto apprezzato dai locali, la tassazione è piuttosto bassa e cominciare un’attività è facile, anche per gli stranieri. Purché si parli spagnolo e inglese, rispettivamente la lingua della vita quotidiana e del commercio di alto livello. Ma non è obbligatorio mettersi in proprio; negli ultimi anni la Costa Rica è riuscita ad attrarre molti investimenti e aziende straniere, e dando un’occhiata ai siti specializzati si possono trovare offerte di lavoro interessanti: dalla finanza all’amministrazione, dalla sanità all’informatica, passando naturalmente per il turismo.

Inoltre, la Costa Rica è uno dei Paesi più stabili della regione. Con il ritorno alla democrazia, nel 1949, ha abolito l’esercito per reindirizzare le risorse, ad esempio nell’istruzione. Infatti l’alfabetizzazione nel Paese è praticamente generalizzata. Certo, la micro-criminalità esiste anche lì, ma in generale la Costa Rica è tranquilla, e il motto nazionale “pura vida” sembra davvero realistico.

Cile

Se lo chiamano “la Svizzera dell’America Latina” qualche motivo ci sarà. Strade pulite, trasporti pubblici efficienti e puntuali, abbondanza di investimenti stranieri e una crescita media del Pil che tra il 2009 e il 2014 ha sfiorato il 5%. Ancora, secondo l’Ease of doing business ranking della Banca Mondiale, il Cile è il miglior Paese del Sudamerica per fare business.

Con una popolazione di appena 18 milioni di abitanti e paesaggi indimenticabili, che vanno dal deserto del nord fino ai ghiacciai del sud, il Cile è davvero una terra da prendere in considerazione. Ed è il Paese che fa per voi soprattutto se avete un qualsiasi tipo di laurea in ingegneria. Basta dare un’occhiata ai siti specializzati in offerte di lavoro per capire che gli ingegneri sono ricercatissimi, sia nella capitale Santiago che altrove.

Tanto per dare un’idea, in poco più di due mesi, dalla fine del 2016 a oggi, sono stati pubblicati su un solo sito oltre mille annunci con la keyword “ingeniero”. Ma è tutta l’economia a essere molto vivace, e trovare lavoro non è difficile, soprattutto nell’industria e nei servizi.

I cileni impiegano volentieri gli stranieri, e con un po’ di pazienza e tenacia è anche possibile trovare un lavoro adatto al proprio titolo di studio. È un Paese dove si lavora molto (è uno dei suoi vanti) però offre tantissimo anche per il tempo libero: sport, attività culturali, e innumerevoli bei posti da scoprire, anche nei dintorni di Santiago.

I contro? Il sistema sanitario, molto simile a quello statunitense (cioè assicurazioni e cliniche private), e quello scolastico: se avete figli dovrete considerare nel bugdet familiare le rette per le scuole private.

Uruguay

Libertad o muerte”. È il motto nazionale dell’Uruguay, ma potrebbe esserlo anche di chi vuole fuggire dalla trappola della routine italica. L’Uruguay è il secondo Paese più piccolo del Sudamerica, e il più rispettoso dell’ambiente. L’istruzione gratuita e obbligatoria è uno dei suoi principi fondamentali, non a caso è la nazione con il tasso di alfabetizzazione più alto del Sudamerica.

Qui è possibile creare un’azienda (unipersonale o anche srl) in appena 24 ore, ma si può anche trovare un impiego. I più ricercati? Contabili, ingegneri, architetti e veterinari, ma anche rappresentanti di commercio, autisti, cassieri e personale amministrativo (purché “hispanohablante”, naturalmente); non mancano però le opportunità anche per chi ha una laurea in informatica o simili.

 L’anno scorso Montevideo, la bella capitale di 1,3 milioni di abitanti, si è di nuovo classificata prima in Sudamerica per qualità della vita, sicurezza e benessere dei cittadini. Un bel risultato, che rende ancora più appetibile un Paese tutto da scoprire.

Il Bermuda

Se avete voglia di girare in infradito per gran parte dell’anno, questo è il Paese che fa per voi. In fondo c’è un motivo se i famosi pantaloni “bermuda” si chiamano proprio così. Il Bermuda, si sa, è un paradiso fiscale, ma è anche una meta turistica molto rinomata.

Quindi, se avete una laurea in economia finanziaria, siete specializzati in cyber-security o maghi della cucina, potete cominciare a fare le valigie. Gli abitanti di questo arcipelago di isolotti hanno uno dei redditi pro capite più alti del mondo e non ci sono grandi problemi di sicurezza, a parte un po’ di micro-criminalità.

paesi america latina

Certo, bisogna mettere in conto le spese per l’assicurazione sanitaria, specialmente per chi volesse spostarsi in famiglia, ed è imprescindibile conoscere bene l’inglese (il portoghese è un plus). Ma ad appena due ore di volo da una metropoli globale come New York, il Bermuda è di una bellezza straordinaria, con le sue spiagge bianche e la vegetazione lussureggiante. Unico pericolo: attenti al riscaldamento globale!

Stato di Santa Catarina, Brasile

Situato nel sud del Paese, poco più a nord di Porto Alegre, Santa Catarina è lo stato del Brasile dove si vive megliopiù a lungo. I catarinensi vivono cinque anni in più della media dei brasiliani e godono della miglior qualità dell’istruzione del Paese.

Anche la criminalità è a livelli molto più bassi della media nazionale, e l’economia della capitale, Florianópolis, è quella che è cresciuta di più negli ultimi tre decenni. In effetti lo stato vanta una cultura imprenditoriale molto forte… basti pensare che c’è un’azienda ogni 40 abitanti!  

Tra i settori che “tirano” di più ci sono l’agroalimentare, il manifatturiero e il turistico, ma tutta l’economia è molto diversificata. Alcune delle spiagge più belle del Brasile si trovano proprio qui, in questo stato popolato da 7 milioni di abitanti, attentissimo alla protezione dell’ambiente.

Ancora, Santa Catarina ha una natura incantevole e una grande biodiversità. Non a caso Fritz Müller, il celebre naturalista e collaboratore di Charles Darwin, visse proprio qui per ben 45 anni. Il clima è piuttosto mite, con temperature che variano fra i 13 e i 25 gradi, e stagioni ben definite a differenza che nel resto del Brasile. Le infrastrutture sono eccellenti e il Pil pro capite è superiore alla media nazionale.

Immagini| Copertina via Unsplash|Foto 1 modificata in b&n di kansasphoto via Flickr |Foto 2  modificata in b&n di kansasphoto via Flickr