Come trovare lavoro nelle aziende internazionali che stanno per investire in Italia

Come trovare lavoro nelle aziende internazionali che stanno per investire in Italia

Il 2016 in Europa sarà ricordato come un anno di grandi cambiamenti politici, alcuni dei quali stanno avendo importanti ripercussioni a livello economico. Uno su tutti la Brexit, l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, sostenuta a giugno dal 52% della popolazione.

Ma è bene guardare anche alle opportunità, e soprattutto a quelle che ci riguardano da vicino. Sì perché l’Italia, ultimamente, sta ricevendo le attenzioni di diverse grandi compagnie internazionali—un evento magari inaspettato, ma che faresti bene a cercare di capitalizzare in ottica presente e futura. Se sei in cerca di lavoro, tieni pronto il tuo CV, e segui le nostre indicazioni.

Tra gli esempi più lampanti di questa recente tendenza c’è l’inaugurazione a Napoli della prima iOS Developer Academy di Apple in Europa, avvenuta ad ottobre, che per il momento ha aperto le sue porte ai primi 200 sviluppatori (clicca qui per vedere le posizioni lavorative aperte nell’azienda). Il CEO della compagnia Tim Cook ha stanziato un investimento da circa 10 milioni di euro.

Ma quella di Cupertino non è l’unica azienda made in USA ad avere deciso di puntare sull’Italia nel corso del 2016. Il gigante dell’e-commerce Amazon ha infatti cominciato a costruire un nuovo centro di distribuzione nei pressi di Rieti, nel Lazio, che dovrebbe inaugurare nell’autunno del 2017. L’investimento, da 150 milioni, creerà 1200 nuovi posti di lavoro entro tre anni dall’inizio delle attività. Puoi monitorare questa pagina per sapere in anteprima quando il colosso di Seattle inizierà le assunzioni, e inviare la tua candidatura.

A questi si aggiunge l’investimento di Cisco Systems, il colosso degli apparati di networking: principalmente modem e router. All’inizio del 2016, Cisco ha annunciato di avere preso “una serie di impegni strategici in Italia” che la porteranno a investire “un totale di 100 milioni di dollari nel corso dei prossimi tre anni”. Una cifra davvero importante. E le prime posizioni iniziano ad aprirsi.

Nessuno degli esempi precedenti si avvicina però a quello di due aziende internazionali che punteranno—almeno a parole—cifre da capogiro sul mercato italiano: la compagnia aerea irlandese RyanAir, che ha annunciato un investimento da 1 miliardo di euro e l’apertura di 44 nuove rotte aeroportuali in territorio italiano (qui le posizioni già aperte), e il gigante dei media Sky, che attraverso l’amministratore delegato Andrea Zappia ha manifestato l’intenzione di investire “sia in produzioni originali sia in innovazione e tecnologia” durante il prossimo quadriennio. Nella stessa Italia che, secondo Zappia, potrebbe addirittura aspirare a diventare “una sorta di Hollywood europea”. Qui le posizioni aperte.

Ma non è finita: tra le altre aziende che hanno annunciato—o già avviato—un ampliamento delle operazioni sul territorio italiano ci sono anche General Electrics, Whirlpool, DHL, Ikea. Nel presente, dunque, le porte dell’Italia si stanno aprendo con vigore verso i capitali esteri; ora è necessario trasformare questa piccola impennata in una tendenza strutturata, anche e soprattutto per crescere nel lungo periodo.

Al momento queste sono le principali opportunità; ti terremo aggiornato nel caso di apertura di nuovi posti di lavoro, bandi e dello sbarco di nuove compagnie nel nostro Paese.

Immagine di Studio Incendo via Flickr