10 band famose che si sono riunite dopo anni

10 band famose che si sono riunite dopo anni

Se non hai più vent’anni, è possibile che il gruppo musicale che preferivi quando eri adolescente si sia ormai sciolto. Quasi tutti noi abbiamo dovuto scontrarci con lo scioglimento di un gruppo a cui tenevamo particolarmente: i fan degli Oasis, ad esempio, stanno ancora sperando che i fratelli Gallagher facciano pace.

Fortunatamente però, spesso capita che le band dopo alcuni anni decidano di riunirsi, specie se molto famose. A volte lo fanno solo per alcune serate o occasioni speciali, a volte invece lo fanno per sempre.

Qui di seguito abbiamo deciso di elencare i gruppi musicali più famosi che, dopo essersi sciolti malamente, hanno deciso di tornare a suonare insieme per amore dei fan o per onorare il loro successo.

Grateful Dead

Dopo la morte del chitarrista Jerry Garcia, nel 1995, i Grateful Dead decisero di prendere strade diverse, e al mondo sembrò di aver perso uno dei più grandi gruppi rock di sempre.

Dieci anni dopo, però, il gruppo si è riunito per la prima volta, sostituendo Garcia con Trey Anastasio. Recentemente poi il gruppo ha annunciato la resurrezione definitiva sotto il nome di Dead & Company: formato dai tre membri originali e da John Mayers alla batteria.

Spice Girls

Dopo essere diventate delle icone mondiali della musica pop ed aver fatto innamorare milioni di ragazzine in tutto il mondo, le Spice Girls decisero di dividersi a causa della volontà di alcune delle componenti di perseguire una carriera solista.

Da allora, però, si sono riunite più volte in occasioni di eventi importanti: come la pubblicazione del loro greatest hits nel 2007, o delle Olimpiadi di Londra del 2012. Recentemente hanno annunciato che per il ventennale dell’uscita di Wannabe potrebbero riunirsi ancora per un tour mondiale, e può darsi che stavolta l’unione possa durare.

The Who

La band inglese cominciò un lento declino pieno di abbandoni e riorganizzazioni dopo la morte del batterista Keith Moon nel 1978. Nel 1982 si sciolsero definitamente, per poi riunirsi nel 1996 e incidere un nuovo album, Endless Wire, nel 2006.

The Cars

Dopo il fiasco di Door to Door, l’album che i Cars pubblicarono nel 1987, la band decise di farla finita nel 1988. Nel 2010 però, soprattutto spinti dall’amore dei fan accaniti, la band ha ripreso gli strumenti in mano.

The Police

Dopo nove anni di successi i Police si sciolsero nel 1986, visto che il leader del gruppo, Sting, aveva deciso di dedicarsi alla sua carriera solista. Nel 2007, ha però deciso di riunire il gruppo per un tour che ha deliziato i fan con 151 date nel giro di un anno.

Led Zeppelin

Questa storica band, che ha fatto la storia della musica rock, ha deciso di sciogliersi nel 1980, dopo 12 anni di pezzi indimenticabili. Le loro reunion però sono molto frequenti, l’ultima delle quali nel 2007.

Outkast

Il duo hip hop che aveva reso famoso Andrè 3000 era stato messo nel ripostiglio nel 2006. Dopo 8 anni, però, i due artisti sono tornati ad esibirsi insieme, anche se non hanno ancora inciso un nuovo album.

Destiny’s Child

Ok, probabilmente l’unica componente di spicco di questo gruppo era Beyoncé. E la loro scissione nel 2006 non ha distrutto i sogni di molti fan, che hanno continuato a seguire la loro eroina. Ma nel 2013 il gruppo si è riunito in occasione del Super Bowl, ed è stato un gran successo.

Blondie

Gli appassionati della musica new wave non potranno non ricordarsi di questa storica band che ha avuto molto successo fra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli Ottanta.

Dopo l’uscita dell’infelice The Hunter nel 1982, però, il percorso della band sembrava finito. Nel 1997 i membri originali si sono ritrovati, e da allora non hanno più smesso di suonare insieme. Il loro ultimo album Ghosts of Download è del 2014.

Blink 182

Dopo aver raggiunto il successo alla fine degli anni Novanta, il trio si è sciolto nel 2005. Solo quattro anni dopo, però, i Blink 182 si sono riuniti e continuano a suonare insieme ancora oggi. Anche se proprio quest’anno hanno perso il chitarrista Tom DeLonge.

Immagini: Copertina