I Massive Attack? Ora possono venire a suonare a casa tua

I Massive Attack? Ora possono venire a suonare a casa tua

Quando ascolti un concerto può capitarti di essere talmente preso dal musicista sul palco che ti dimentichi di tutto il resto. Del prezzo del biglietto, del brutto locale, della pessima acustica, del bar affollato, della fila per andare al bagno

In uno stato di rapimento ti alieni e in quel momento esisti soltanto te in mezzo alla folla. Ogni volta che un bel concerto finisce, ci si risveglia però da questo sogno e si ritorna con i piedi per terra.

Ma ora è possibile rivivere le emozioni intime di un concerto grazie alla piattaforma musicale che sta cambiando il modo di ascoltare musica live. Stiamo parlando di Guestar, il sito che ti permette di organizzare e ospitare a casa tua il concerto del tuo artista preferito.

La pratica di fare suonare i musicisti privatamente è già stata sperimentata con i cosiddetti house concert. Questi però sono un’esclusiva soprattutto degli addetti ai lavori nel campo discografico, un privilegio di una stretta cerchia di fortunati.

L’idea di Guestar, molto più democratica, è nata dalle menti di Enrico Mutti, Paul Sears e Francesco Gaudesi, fondatori della società Spaceship Management. L’obiettivo è quello di godersi un concerto senza intermediari, come festival o locali. Questo nuovo modo di ascoltare la musica non soltanto è emozionante per il pubblico, ma anche per i musicisti che si trovano a vivere “un’esperienza vera” in cui la comunicazione con il pubblico è diretta e non trova ostacoli.

Per usare Guestar basta iscriversi gratuitamente al sito, caricare le foto dello spazio che si intende allestire per il concerto, spiegare chi sarà invitato, cosa si mangerà e allegare un video personale di presentazione che possa incentivare il musicista a esibirsi proprio da te. La scelta definitiva spetta infatti a lui.

Ovviamente la concorrenza è spietata. Soprattutto quando si parla di musicisti famosi con un seguito enorme. Il primo che ha dato il via al progetto è stato il rapper italiano Dargen D’Amico che ha aggiunto tre date “casalinghe” al suo tour. Dopo di lui hanno seguito la scia anche Manuel Agnelli e Rodrigo D’Erasmo, membri degli Afterhours.

Il progetto sta andando davvero bene, perché la notizia ufficializzata qualche giorno fa è a dir poco clamorosa. Puoi invitare a esibirsi a casa tua anche Robert Del Naja e Grant Marshall, noti più semplicemente come i Massive Attack. Il duo inglese, padre del trip hop, ha dato la sua disponibilità per un dj set il 7 dicembre. La scadenza per caricare tutto il materiale sul sito è il 18 novembre: comincia a fare spazio in salotto.

Immagine via Flickr