King Crimson: guida per principianti

King Crimson: guida per principianti

Nella loro carriera i King Crimson hanno sperimentato generi musicali piuttosto differenti: jazz, folk, musica classica, musica sperimentale, rock psichedelico, hard rock, heavy metal, new wave, musica elettronica.

Sono uno di quei gruppi di culto che i grandi appassionati di musica non possono non ascoltare: un pezzo di storia della musica moderna.

King Crimson nascono ufficialmente nel 1969 con Robert Fripp alla chitarra, Greg Lake al basso, Ian McDonald alle tastiere, sax e flauto, Mike Giles alle percussioni e Peter Sinfield come paroliere e nello stesso anno, al memorabile concerto in memoria di Brian Jones (si parla di un pubblico formato da 650.000 persone) tenuto in Hyde Park, raggiungono la fama.

Lo stile è inconfondibile, e il loro timbro è rimasto immutato anche spaziando in generi diversi. La loro musica infatti ha una vena prog costante, che si stacca dai soliti schemi e sicuramente risente della loro fase psichedelica che ne ha segnato la musica da un certo punto in poi. Pur essendo legati anche all’immaginario jazz, il loro stile è al contempo terribilmente romantico: si passa senza soluzione di continuità dai suoni stridenti e angoscianti a quelli più armoniosi e melodici.

Nonostante i continui cambi di formazione e gli scioglimenti quasi ciclici, i King Crimson riescono poi a sfornare tre album assolutamente innovativi dopo il primo periodo: In The Wake Of Poseidon, Lizard e Islands.

Le contaminazioni e cambi di direzione non sono riusciti a scalfire l’originalità e l’impatto sul mondo musicale di questa storica band inglese.

Dal 2013 sono tornati in attività dopo un’ultima pausa, e i loro concerti sono sempre molto ambiti da fan appartenenti a generazioni estremamente diverse.

Immagini: Copertina