Questo ragazzo suona un'intera orchestra con la bocca

Questo ragazzo suona un'intera orchestra con la bocca

Siamo tutti cantanti, sotto la doccia. Ma la prossima volta che ti capita di cantare “Billie Jean” di Michael Jackson ti sfido ad aggiungere il suono della batteria, del basso e poi della tastiera. Se pensi che sia impossibile, allora devi ascoltare Tom Thum.

Tom è un ragazzo australiano da sempre amante delle sonorità hip-hop. Dopo aver cantato in qualche gruppo locale, comincia a studiare il canto.

Negli anni in cui la beatbox diventa un’arte molto apprezzata, Tom impara a controllare la voce e riprodurre con la bocca i suoni della batteria.

Ma non si ferma qui e sperimenta molte altre forme di beatboxing. La sua bocca infatti è in grado di ripetere altri suoni, anche più complessi. Affina la tecnica e inizia a girare tutto il mondo per farsi conoscere. Tanto che nel 2005 partecipa e vince il campionato mondiale di beatbox.

Il suo talento lo porta a Broadway e a Londra, dove inizia a lavorare anche in teatro.

Oggi Tom è riconosciuto in tutto il mondo e gira per l’Australia per insegnare ai ragazzi più giovani la sua arte e diffondere il messaggio positivo della musica.

Il Guardian ha detto di lui: “Tom Thum sembra aver ingoiato un’intera orchestra“.

In questo video puoi ascoltare le prime “classiche” dimostrazioni di beatboxing e la sua versione di Billie Jean.

Ma il bello viene dopo, quando passa in rassegna le musiche tradizionali di mezzo mondo, dal didgeridoo al guzheng, fino a trasformare l’intera sala in un fumoso e suggestivo jazz bar.