Pantone ha dedicato una sfumatura di viola all'indimenticabile Prince

Pantone ha dedicato una sfumatura di viola all'indimenticabile Prince

Nel Medioevo era vietato organizzare spettacoli e indossare indumenti viola (il colore dei paramenti sacri) durante la Quaresima. Per gli attori che non potevano svolgere la loro professione era, quindi, un periodo vuoto e di ristrettezze. Con le dovute differenza, gli strascichi di questa usanza medievale—un po’ com’è successo col cilindro all’ingresso dei barbieri—si sono protratti fino ad oggi.

Tant’è vero che la maggior parte delle persone del mondo dello spettacolo evitano accuratamente il viola, e tra il pubblico di uno studio televisivo è davvero raro vedere una maglietta di questo colore, perché si dice porti sfortuna.

Eppure, nonostante dicerie e superstizioni, c’è stato uno personaggio che ha fatto del viola la sua cifra stilistica. Stiamo parlando di Prince—uno dei più grandi musicisti statunitensi, da oltre 100 milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Solo per citare alcuni degli “esempi in viola” del folletto di Minneapolis: ricordi il pianoforte personalizzato che la Yamaha aveva creato per gli ultimi concerti dell’artista? Oppure Purple Rain, nome di uno dei suoi più bei dischi e dell’omonima canzone? O il titolo del film del 1984 per cui vinse due Grammy e un Oscar per la migliore colonna sonora?

Come ha riportato il Guardian, Pantone—l’azienda statunitense che si occupa soprattutto di catalogazione dei colori—ha deciso di dedicare una nuova sfumatura di viola proprio in onore di Prince, scomparso all’età di 57 anni il 21 aprile 2016. Il nuovo colore si chiama Love Symbol #2, come il simbolo con il quale il musicista era avvezzo firmarsi, titolo dell’album Love Symbol del 1992, e richiama la sfumatura del pianoforte utilizzato da Prince.

prince

In un postLaurie Pressman, vice presidente del Pantone Color Institute, si domanda perché Prince amasse follemente il viola. “Forse perché è una delle sfumature indossate dai Minnesota Vikings, la squadra di football che ha giocato nello Stato di origine di Prince, e dove ha continuato a vivere e lavorare fino alla fine dei suoi giorni? Può darsi”.

Nonostante non sia del tutto chiaro, però, poco importa: “La sfumatura dedicata a Prince trasmette un’aura di mistero, intrighi e anticonformismo, è un colore che si distingue da tutti gli altri, qualcosa che Prince, un artista dal personalissimo stile, certamente ha fatto.”

Immagini | Copertina| 1