I plagi musicali più famosi della storia

I plagi musicali più famosi della storia

La storia della musica, purtroppo, è costellata da episodi di plagio e palese violazione dei diritti d’autore. Quante volte ti è capitato di sentire l’intro di una canzone, o un riff di chitarra, e di accorgerti che è incredibilmente simile a quella di un altro artista?

La cosa che forse non sai, è che molti pezzi musicali che sono entrati a far parte dell‘immaginario musicale collettivo, sono dei plagi. Infatti, fra gli artisti che hanno imitato o copiato brani ci sono band storiche: Beatles, Eagles, Led Zepplin… punti di riferimento della musica mondiale.

Ecco alcuni dei più famosi plagi di sempre:

Surfing U.S.A.( Beach Boys) – Sweet Little Sixteen (Chuck Berry)

Berry è stato uno degli artisti più imitati della storia del rock’n’roll: modello di tantissimi gruppi. Ma il plagio di Sweet Little Sixteen ad opera dei Beach Boys, che la trasformarono in una hit entrata nell’olimpo di questo genere musicale, è davvero clamoroso: l’arrangiamento è praticamente identico. Berry vinse la causa contro il gruppo musicale, e ottenne che il proprio nome fosse inserito nei crediti di composizione del brano, e una percentuale sulle royalties.

Hotel California( Eagles) – We used to know (Jethro Tull)

Se avete mai ascoltato Hotel California, una delle canzoni che ha reso famosi gli Eagles alla fine degli anni Settanta, basta ascoltare la melodia di We Used To Know dei Jethro Tull, per accorgersi subito che il lavoro degli Eagles non è esattamente un capolavoro di originalità.

Come Together ( Beatles ) – You Can’t Catch Me (Chuck Berry)

Ok, se esistesse un premio per i plagi che sono diventati brani storici di altre band, Chuck Berry lo vincerebbe di sicuro. Alcuni dei riff presenti in Come Together, sono esattamente la copia di quelli composti da Berry per You Can’t Catch Me. Anche stavolta Berry citò in giudizio la band inglese, che decise di trovare un accordo per non far proseguire la causa.

Stairway to Heaven ( Led Zeppelin) – Taurus (Spirit)

Ebbene sì, uno dei brani più importanti della storia del rock, potrebbe essere un plagio. Jimmy Page potrebbe aver copiato la melodia dell’intro dal brano di una band molto meno conosciuta: Taurus, degli Spirit. A quanto pare, anche dopo tutti questi anni, la situazione non è risolta: l’avvocato di Randy California, leader degli Spirit, starebbe preparando una causa per rivendicare i danni sui diritti d’autore.

Creep ( Radiohead) – The Air That I Breathe ( Hollies)

Il singolo Creep è stato uno dei primi brani che ha presentato al mondi i Radiohead come una delle band più innovative degli anni Novanta. Ma si tratta di un plagio bello e buono del brano The Air That I Breathe degli Hollies: tanto che, dopo la vittoria in tribunale, gli autori del brano originale ottennero non solo le royalties, ma anche i crediti come autori.

Immagini : Copertina