Rivivi la prima apparizione televisiva dei Cure, 38 anni fa

Rivivi la prima apparizione televisiva dei Cure, 38 anni fa

Il rock non invecchia mai, ma i musicisti a volte sì. Basta andare indietro nel tempo per renderci conto di questo strano fenomeno che accade solo nella musica. Da una parte i corpi dei musicisti che invecchiano e con il tempo magari si imbolsiscono. Dall’altra però la voce, diretta espressione dello spirito del rock, è sempre la stessa nonostante gli anni. Fin da subito.

[advertise id=”hello-amazon”]

Per mostrare questa magia bastano due esempi. Da una parte i Rolling Stones, che hanno raggiunto gli oltre 50 anni di carriera musicale, ma sono ancora lassù a emozionare migliaia di appassionati. La data di Lucca, del 23 settembre, l’unica in Italia, è andata sold out, nella prima fase di vendita dei biglietti, in neanche un minuto.

Come altro esempio, vogliamo andare a ritroso nel tempo, per la precisione al 3 dicembre 1979, e ripescare dal materiale dei fan la prima apparizione in assoluto dei Cure in televisione. Il mini live in cui la band esegue tre brani è stato registrato al Théâtre de l’Empire a Parigi. La scaletta di quell’evento, tutta l’esibizione dura nove minuti, prevedeva A Forest, Killing An Arab e Three Imaginary Boys.

In quell’anno i Cure si erano appena formati e avevano tutti più o meno 20 anni. Qualche mese prima era stato pubblicato il loro album di debutto: Three Imaginary Boys. L’album non conteneva le prime due tracce della scaletta di Parigi che usciranno come singoli proprio durante quei mesi e andranno a riempire, soltanto in edizione speciale americana, l’album “Boys Don’t Cry”.

Tanti sono i motivi che rendono straordinario questo live. Il primo è innanzitutto la loro giovane età. Sono talmente giovani che è incredibile pensare che quei ragazzi (seppur bravissimi ma poco più che adolescenti) avrebbero venduto oltre 28 milioni di dischi pubblicando quasi trenta album.

Chi ha suonato in una band, poi, magari quando era più giovane con gli amici, riconoscerà in quegli sguardi, in quella concentrazione, qualcosa di familiare. La timidezza ma allo stesso la serietà di un gruppo che vuole far conoscere la propria musica e la profondità dei loro testi, nonostante l’età.

Ma quando parte il video, nel momento in cui ci chiediamo se siano davvero loro i Cure; quando Robert Smith attacca a cantare A Forest (un brano che il 24 maggio 2016 a Los Angeles avrebbe suonato per la millesima volta) sentiamo quella voce, inconfondibile, e allora capiamo che il destino era già tutto scritto in quella esibizione di quasi 40 anni fa.

Immagine via YouTube