Gli scatti che mostrano un lato intimo e struggente di Freddie Mercury

Gli scatti che mostrano un lato intimo e struggente di Freddie Mercury

Quando un musicista entra nel mito, ogni tanto c’è bisogno di riportarlo quaggiù e renderlo umano. E questo è il caso di uno dei personaggi più leggendari della musica: Freddie Mercury. Quando pensiamo a lui, la nostra mente (o meglio dire, le nostre orecchie) risente come per magia la sua voce perfetta e unica. Prima ancora dei suoi lineamenti e le sue movenze, arrivano le note delle canzoni più celebri, come Bohemian Rhapsody. La sua fama ha finito per schiacciare e deformare, come succede per gli artisti più amati, il lato intimo e privato della persona.

Oggi vogliamo celebrare questo, allo stesso modo dei suoi pezzi più famosi, riguardando le foto di Freddie e Jim Hutton, il suo ultimo compagno prima di morire. La loro storia d’amore, tenera e struggente, racconta la paura, la grandezza e il timore per la malattia di Freddie.

Tutto inizia nel 1984 in un club di Londra. Freddie ha un colpo di fulmine, Jim no. Il cantante all’epoca già famosissimo gli offre un drink, ma Jim lo rifiuta garbatamente. Non lo ha neanche riconosciuto.

Mercury, è bene ricordarlo, aveva già parlato apertamente del suo orientamento sessuale, nel 1974, in un’intervista rilasciata al New Musical Express in cui aveva dichiarato di essere “gay come una giunchiglia”. Nonostante la sprezzatura di questa intervista, Mercury per tutta la sua vita terrà da parte le sue relazioni, restando sempre discreto.

Freddie incontrerà per una seconda volta Jim qualche settimana dopo. Jim è in compagnia di un amico che sbianca a vedere “il cantante dei Queen” avvicinarsi a loro. Jim si volta e lo saluta cordialmente e fanno due chiacchiere da soli. Gli racconta della sua vita, gli parla delle sue origini irlandesi e del suo lavoro da parrucchiere.

La serata finisce lì, si metteranno insieme soltanto un anno dopo. A quel punto però resteranno insieme per 6 anni, fino a quando Freddie non si spegne in seguito a una broncopolmonite aggravata da complicazioni dovute all’AIDS, nel novembre del 1991.

Quando Jim e Freddie si mettono insieme, il primo diventa il suo parrucchiere personale. Curioso come anche il suo cuoco privato, Joe Fanelli, aveva avuto una relazione con il cantante tra il 1978 e il 1979.

View this post on Instagram

#FreddieMercury & his boyfriend #JimHutton ?#1980s

A post shared by Jean Genet (@jeangenet) on

Il momento più toccante della loro storia d’amore, come ha confessato Jim in un’intervista per un documentario sul compagno scomparso, è stato quando nel 1987 Freddie aveva capito di essere sieropositivo (Jim lo scoprirà nel 1990) e dice apertamente al compagno che è libero di andarsene e lasciarlo.

View this post on Instagram

On August 28th 1991, exactly 28 years ago today, Jim Hutton took these photos of Freddie at Garden Lodge ?…his last ever known photographs ? . "That summer Freddie posed for a camera for the very last time – mine. It happened like this. I was out in the garden photographing some of the flowers in full bloom and Freddie walked towards me. I trained the lens on – he wanted to move back a bit so it wasn't a close-up. Then he posed while I took four pictures, and he managed a smile for each. He was so pale and drawn that he knew he didn't look his best, but it didn't matter a bit; of all the pictures I have of Freddie, those are the ones I love most." -Jim Hutton . ?P.S. Seeing these photos and reading those words by Jim always pains me beyond words… but I share them not to focus on his illness (please don't do that) but to show how he always saw the beauty in every moment and his smile and bravery never waverd…. I love the fact that a cat (who looks like Oscar) is standing next to Freddie and I'd like to think he was having a good time amidst the bloom of the flowers of his beautiful garden…? But most importantly, despite the sadness, I'm still in awe and admiration for Freddie and his superhuman courage to face life head on and muster a smile even through his hardest moments. His smile always stayed on and in that way he even mocked his illness. My hero…? This man is a source of inspiration on so many levels and I love him for that… ❤ . #FreddieMercury #lastphoto

A post shared by Freddie Mercury (@freddiemercuryclub) on

La risposta di Jim è struggente: “Ti amo, Freddie, non vado da nessuna parte”. Jim è stato una delle prime persone a cui Freddie ha confessato la sua malattia. Gli altri membri della band lo verranno a sapere soltanto due anni dopo. La stampa, un giorno prima della sua morte.

La sua ultima apparizione live risale al 18 febbraio 1990, quando riceve un premio ai BRIT Awards. Negli ultimi giorni di vita Freddie registra il video della canzone These Are the Days of Our Lives che viene pubblicato, come accordato con l’artista, soltanto dopo la sua morte.

A quel tempo i giornali sospettavano che fosse malato per via del suo aspetto emaciato e quasi irriconoscibile ma devono aspettare il comunicato ufficiale del musicista il 23 novembre 1991 in cui finalmente comprendono la verità.

Alla cerimonia funebre, tra i 35 presenti, oltre ai familiari e ai compagni della band ci sono anche Elton John, Michael Jackson, David Bowie e ovviamente l’amato Jim.

Immagine cover: 1982, Steve Wood/Express/Getty Images

Immagini via Flickr ceinwen21