Thom Yorke sta componendo la colonna sonora del remake di un capolavoro di Dario Argento

Thom Yorke sta componendo la colonna sonora del remake di un capolavoro di Dario Argento

Per i fan dei Radiohead è davvero un momento d’oro. Oltre alla pubblicazione dell’inedito “I promise” e la prossima uscita del doppio album che celebra il 20esimo anniversario di Ok Computer, ascolteremo presto il genio di Thom Yorke anche al cinema.

[advertise id=”hello-amazon”]

A riportare la notizia in esclusiva è stato Variety che ha svelato il suggestivo accordo che farà la gioia sia degli amanti della band inglese che quelli del cinema di Dario Argento.

Il remake di Suspiria, capolavoro horror del “maestro del brivido”, sarà diretto da Luca Guadagnino e vedrà come attrici protagoniste Chloë Grace Moretz, Mia Goth, Tilda Swinton, Dakota Johnson e anche un cameo di Jessica Harper che è apparsa nel film originale.

Il film è ambientato nel 1977, quando la giovane Suzy Bannion si reca in una prestigiosa Compagnia di danza a Berlino. Il suo arrivo coincide con la scomparsa di uno dei membri della scuola. Proprio grazie a un’altra ballerina, Suzy intuisce che la direttrice e la compagnia di danza possano nascondere un segreto inquietante.

Guadagnino ha scelto di fare questo film al termine di quella che è stata un’infatuazione dal 1981, quando a dieci anni vede (e rimane folgorato) la locandina del film. La pellicola ancora non ha una data di uscita, per ora si sa che le riprese sono terminate ed è in fase di post produzione. Dario Argento, dopo essere stato invitato sul set del remake, ha preferito non lasciare interviste sul risultato finale. All’inizio del progetto però non ha nascosto i suoi dubbi.

È la prima volta che Thom Yorke si cimenta in un’operazione di questo genere. Solo il chitarrista dei Radiohead Jonny Greenwood aveva collaborato alla realizzazione di alcune colonne sonore: nel 2007 per il film il Petroliere, capolavoro di Paul Thomas Anderson; e poi sempre dello stesso regista The Master e Vizio di forma; mentre nel 2010 per Norwegian Wood film ispirato al libro di Haruki Murakami).

Il lavoro per Yorke non è semplice visto il precedente illustre dei Goblin, la cui colonna sonora è stata definita da molti esperti del settore come “la più bella e spaventosa tra tutti i film horror”. “Un lavoro incredibile”, come ha sottolineato il frontman dei Radiohead. 

Durante un’intervista alla BBC 6 Music Thom ha parlato del suo lavoro di composizione come di un’”esperienza terrificante”. “È dura perché sto lavorando a qualcosa che è fuori dalla mia ‘comfort zone’ e poi perché non so leggere la musica quindi sto facendo tutto da solo, senza l’aiuto di un’orchestra”.

Sono stati proprio il regista, Luca Guadagnino, e l’editore, Walter Fasano, a consigliare a Thom di lavorare da solo senza l’assistenza di un’orchestra. Guadagnino a proposito della scelta di avere nel proprio team Yorke ha parlato di “sogno che si avvera”. “L’arte di Thom trascende la dimensione del contemporaneo. È un privilegio avere le sue musiche e il suo suono per Suspiria. La profondità della sua creazione e della sua visione artistica è davvero unica e il nostro Suspiria sarà esplosivo, oltre a colpire a fondo gli spettatori. Il nostro obiettivo è di fare un film che diventi un’esperienza che ti segna e ti cambia: con quest’ambizione, non potevamo trovare di meglio, se non Thom”.

Per prepararsi emotivamente alla composizione Yorke sta sperimentando strade creative che lo mettono in difficoltà e sta ascoltando lavori altrui confidando che almeno inconsciamente il suo sguardo (e il suo orecchio) si allinei sulle stesse lunghezze d’onda dei suoi illustri predecessori. Come ad esempio, il lavoro musicale di “Vangelis per Blade Runner.”

Immagine via Flickr