L'ultimo video di Nick Cave: la cosa più poetica che ascolterai oggi

L'ultimo video di Nick Cave: la cosa più poetica che ascolterai oggi

Nick Cave, uno degli ultimi grandi della musica, ha quella dote che contraddistingue i veri artisti dagli altri: la costante visione poetica del mondo. La fiamma della sua ispirazione non si spegne mai, e per afferrarne la potenza non basta ascoltare la sua discografia, seppur così vasta.

[advertise id=”hello-amazon”]

Oltre ai suoi trenta album, tra live, raccolte, colonne sonore e in studio, Nick è sceneggiatore, attore, romanziere e poeta. Il suo spirito creativo si incarna nelle forme più diverse.

Steve McQueen” è l’ultimo video pubblicato da Nick Cave, in compagnia della sua inseparabile band The Bad Seeds. Si tratta di un estratto da One More Time With Feeling, un documentario uscito in Italia lo scorso settembre e che racconta la composizione dell’ultimo album del gruppo: Skeleton Tree. Il doc, che oggi puoi trovare nei formati DVD e Blu-Ray, raccoglie aneddoti, esibizioni live, interviste e, come detto, questa struggente “Steve McQueen”.

La poesia doveva inizialmente far parte dell’album, ma poi per motivi tecnici è stata scartata, trovando però la luce in quest’altra forma. Nick cita, con la sua voce profonda, quasi venisse dalle viscere della terra, il grande attore statunitense. Come gran parte del suo repertorio, troviamo nei suoi versi l’eco dei suoi temi più cari: la religione, la morte e il destino.

Il video, diretto dal regista Andrew Dominik, si sviluppa sulle immagini della band (in compagnia di Warren Ellis) mentre prova Girl in Amber, in studio. La voce di Cave sovrasta i rumori di scena e attacca con: “Here I am the Moonlight Man with a six-barrel shooter / But I’m not that kinda guy, I have a dream.” (“Sono l’Uomo del Chiaro di Luna, con una pistola a sei colpi / Ma non sono quel tipo di persona, io ho un sogno).

Steve McQueen è stato un attore unico che ha saputo associare al grande talento recitativo anche una passione per l’azione intrepida, facendo spesso a meno delle controfigure. È forse proprio questo suo rapporto impavido con il pericolo e la morte che l’ha reso protagonista della poesia di Cave.

I’m a Steve McQueen with a big, beautiful dream / I am god / I am god thinking about god thinking about Steve McQueen” (“Sono uno Steve McQueen con un grande, bellissimo sogno / Sono dio / Sono dio che pensa a dio che sta pensando a Steve McQueen).

“And everyone out here does mean / And everyone out here does pain / But someone’s gotta sing the stars / and someone’s gotta sing the rain” (“E ognuno là fuori significa qualcosa / E ognuno là fuori prova dolore / Ma qualcuno deve cantare le stelle / E qualcuno deve cantare la pioggia). Il testo, trascritto da alcuni utenti di Reddit, è stato tradotto dai fan italiani: qui puoi trovare la traduzione.

Per i fan di Nick Cave ricordiamo, inoltre, che il 5 maggio sarà pubblicato un mega album intitolato Lovely Creatures che raccoglie i più grandi successi dal 1984 al 2014 della band, in 3 CD e 1 DVD. A novembre ci sarà anche un imperdibile tour italiano che porterà Nick Cave & the Bad Seeds sui palchi di Padova, Milano e Roma, rispettivamente il 4, il 6 e l’8.

Immagine di copertina via YouTube