A X Factor 2018 Anastasio canta Mio fratello è figlio unico di Rino Gaetano

A X Factor 2018 Anastasio canta Mio fratello è figlio unico di Rino Gaetano

Ieri sera sul palco del terzo Live di X Factor 2018 i concorrenti si sono confrontati con grandi autori italiani. Tra le assegnazioni del giudice Mara Maionchi il brano di Rino Gaetano “Mio Fratello è figlio unico” che ha scelto per Anastasio. La canzone è stata riscritta in alcune sue parti dal rapper in maniera molto personale, riconfermando le sue spiccate doti di scrittura e reinterpretazione. La cover la puoi ascoltare qui. Una canzone molto amata fin dalla sua uscita nel 1976, che il concorrente ha riscritto con un nuovo testo come ha fatto con tutte le cover presentate a X Factor.

Come l’ha riscritta questa canzone? Ecco un estratto molto intenso:

Mio fratello va a lavoro sotto la pioggia e non si perde nemmeno una goccia, va a dormire sempre più stanco e si sveglia sempre più vivo, il mondo vince le sue battaglie ma la guerra l’ha persa in partenza e lui cinico non ci diventa

Ecco invece l’originale:

Mio fratello è figlio unico
perché non ha mai trovato il coraggio di operarsi al fegato
e non ha mai pagato per fare l’amore
e non ha mai vinto un premio aziendale
e non ha mai viaggiato in seconda classe
sul rapido Taranto-Ancona
e non ha mai criticato un film senza prima prima vederlo

“L’emarginazione è un tema attuale. Era attuale nel 76. E’ attuale nel 2018.” Queste le parole con cui Mara ha presentato Anastasio che ha convinto anche gli altri giudici del programma, anche se qualche scintilla verbale è scoppiata tra Manuel e Mara perché Agnelli contestava la scelta secondo lui scontata del brano.

Mio fratello è figlio unico: la storia di questa canzone

Come nasce questa canzone? Mio fratello è figlio unico è il singolo del secondo album omonimo di Rino Gaetano del 1976, tra cui spicca anche Berta filava e Sfiorivano le viole, altro grande successo del cantautore crotonese.

Qui il video della canzone originale.

Il titolo dell’album è un chiara espressione del disagio e dell’emarginazione di tutti quelli che negli anni settanta erano persone comuni.

mio fratello è figlio unico dimagrito
declassato sottomesso disgregato e ti amo Mariù
mio fratello è figlio unico frustato

In questa strofa tutta la sofferenza di quel periodo che Gaetano ha saputo riversare nella sua interpretazione ricca di malinconia scanzonata, tipica del suo modo cantare. Si parte da un ossimoro (mio fratello è figlio unico) per arrivare ad una denuncia sociale e personale.

Con questo testo vengono demoliti i principi su cui si fonda la cultura tradizionale: la religione (“L’amaro benedettino non possiede il segreto della felicità”), la psichiatria (“Perché è convinto che anche chi non legge Freud può vivere cent’anni”), e l’economia (“Perché è convinto che esistono ancora gli sfruttati malpagati e frustrati”). Disgrega con l’uso dell’ironia e dell’illogicità una società che “declassa, sottomette” individui anonimi e ai margini. Forse il sentimento che attraversava anche Rino Gaetano che si sentiva diverso dagli altri.
Una curiosità: anche Manuel Agnelli e i suoi Afterhours negli anni ’90 si sono confrontati con questo pezzo. Questa la loro riuscita cover (molto più rock).

Anastasio passa la gara. Vedremo nella prossima puntata di X Fatctor 2018 il nuovo brano che gli verrà assegnato e se ci emozionerà come questo.