Come aiutare il Nepal, la popolazione colpita dal terremoto

Come aiutare il Nepal, la popolazione colpita dal terremoto

Lo scorso 25 aprile il Nepal è stato colpito da un forte sisma di mangnitudo 7.8 che ha portato migliaia tra vittime, dispersi e feriti. In tutto il mondo sono attive campagne per la donazione di fondi per aiutare questa popolazione messa in ginocchio da una catastrofe naturale.
Come ha messo in evidenza l’UNHCR basta una piccola donazione per aiutare i nepalesi:

30 euro servono per le taniche d’acqua;
50 euro per le lampade;
– 100 euro per i teli di plasica.

Ecco come aiutare il Nepal

World Food Programme: l’ong mondiale, attiva in caso di emergenze alimentari e non solo, ha messo a disposizione un link per donare

Agire: l’agenzia italiana si è attivata attraverso associazioni già presenti per i Nepal com Actionaid, CESVI, GVC, INTERSOS, Oxfam, Sos Villagggi dei Bambini, Terre des Hommes per donare. Qui il link

Croce Rossa Italiana: sempre in prima fila in caso di emergenze, ha attivato un conto corrente per le donazioni:
Codice IBAN: IT19 P010 0503 3820 0000 0200 208
Intestato a: ” Croce Rossa Italiana, Via Toscana 12 – 00187 Roma”
presso Banca Nazionale del Lavoro – Filiale di Roma Bissolati
Tesoreria – Via San Nicola da Tolentino 67 – Roma
Indicare la causale “Emergenza terremoto Nepal 2015”
(Per donazioni dall’estero codice BIC/SWIFT: BNL II TRR)

Donazioni mediante conto corrente postale n. 300004
Intestato a: ” Croce Rossa Italiana, via Toscana 12 – 00187 Roma” Indicare la causale “Emergenza terremoto Nepal 2015”

Inoltre è possibile anche donare online da qui

– L’UNHCR, per il sostegno ai rifugiati di tutto il mondo, ha messo a disposizione questo link

Croce Rossa in Nepal: se sei all’estero puoi anche effettuare una donazione internazione direttamente alla CR del Nepal tramite questo link

Unicef per il soccorso dei più piccoli si è attivata con questo link

Oltre alle vittime e ai feriti ci sono ancora numerosi dispersi. La tecnologia in questo caso è accorsa in aiuto: Google ha attivato il tool Person Finder grazie al quale si ha la possibilità di fornire il nome di un disperso che si sta cercando, oppure di darne informazioni qualora si conoscano informazioni sul luogo in cui si trova e sul suo stato di salute.
Anche Facebook ha attivato il tool Safety Check che offre la possibilità di dare comunicazione riguardo la propria salute se ci si trova nei pressi di un disastro naturale.