Garden Bridge, il ponte-giardino che verrà inaugurato a Londra nel 2019

Garden Bridge, il ponte-giardino che verrà inaugurato a Londra nel 2019

Nell’estate del 2019, a Londra sarà possibile attraversare il Tamigi su un nuovo ponte: il Garden Bridge. Sarà ubicato tra il ponte di Blackfriars e quello di Waterloo, e collegherà il nord e il sud della città, dalla fermata della metropolitana Temple a South bank. In pratica, sarà un’ottima soluzione per agevolare il passaggio da una zona ricca di teatri a un’altra sempre affollata dai visitatori della Tate Modern, del Globe Theatre e del British film Institute.

In ogni caso, al di là delle informazioni pratiche, ciò che risalta subito agli occhi è il nome dell’opera “Garden Bridge”, che tradotto letteralmente significa “ponte-giardino.” Tale denominazione infatti non è per nulla casuale, in quanto sin dai primi schizzi del progetto l’obiettivo primario è sempre stato quello di creare un vero e proprio giardino sospeso sul Tamigi (oltre che un ulteriore passaggio per i pedoni).

L’idea risale a 13 anni fa, quando l’attrice e attivista Joanna Lumley propose di costruire il “Garden Bridge” in risposta alle richieste della TfL, l’azienda di trasporti londinesi, di proporre nuovi piani per i collegamenti pedonali della capitale britannica.

Il progetto di Joanna Lumley venne sviluppato dallo studio di architettura Heatherwick e in seguito se ne prese carico il Garden bridge trust, l’associazione che attualmente si occupa della raccolta fondi per finanziare il progetto.

Una volta completato, il ponte giardino sarà una sorta di oasi estesa per 6mila metri quadri, aperta dalle sei del mattino fino a mezzanotte, dove i pedoni potranno passeggiare, correre o farsi coinvolgere in corsi di orticoltura.

D’altra parte, più di un terzo della superficie sarà coperta da piante, alberi e vegetazione di vario tipo, permettendo così a questa nuova “attrazione” di amalgamarsi perfettamente alla città che ha fatto degli spazi verdi il suo punto di forza.

Immagine via YouTube