Le pecore che percorrono le isole Faroe al posto di Google Street View

Le pecore che percorrono le isole Faroe al posto di Google Street View

Se ti capita di passare per le Isole Faroe durante quest’estate, dovresti scattare una foto e postarla con l’hashtag #wewantgooglestreetview. Perché? Perché gli autoctoni scandinavi hanno lanciato una petizione per chiedere a Google di arrivare sull’isola e integrare le viste panoramiche di questi magnifici luoghi su Street View.

Come abbiamo già visto, i paesi scandinavi, Danimarca compresa, sono caratterizzati da paesaggi mozzafiato a ridosso dell’oceano davvero unici nel loro genere. Certo, le 18 Isole Faroe non sono molto grandi e la popolazione complessiva è di appena 50mila abitanti, ma non per questo le distese verdi e le bellezze naturali sono da meno rispetto al resto del Regno di Danimarca.

[advertise id=”hello-amazon”]

Così, per puntualizzare questa piccola mancanza, orgogliosa di questi luoghi, l’attrice Durita Dahl Andreassen ha chiesto ai suoi concittadini che vivono nell’arcipelago di darle una mano per creare il progetto “Sheep View 360“, una sorta di provocazione che sta trovando un concreto riscontro nella realtà.

Anche se può sembrare uno scherzo, si tratta di una questione molto seria. Quando il tempo lo permette, e a turno, vengono letteralmente mandate in perlustrazione cinque pecore tra le distese delle isole. Attrezzati di un pannello solare e di una telecamera a 360°, gli ovini riprendono tutto ciò che li circonda. Per farti un’idea, puoi vedere il video qui sopra.

In seguito, il frutto di questo lavoro, tra pasteggi e soste libere, arriva direttamente sullo smartphone di Durita Dahl Andreassen, che a sua volta lo invia a Google. Foto e video con coordinate GPS, fa notare l’attrice, però non basteranno a coprire nella loro interezza i paesaggi delle 18 isole.

Google non ha ancora fatto sapere se si attiverà per mandare un team nelle isole Faroe, però ha apprezzato il gesto, tanto da comunicare che chiunque voglia fare domanda per mappare le zone più remote del mondo, potrà fare una richiesta formale per ricevere in comodato d’uso l’attrezzatura necessaria.

Immagine via Instagram