La leggendaria Calypso di Cousteau tornerà a solcare gli oceani

La leggendaria Calypso di Cousteau tornerà a solcare gli oceani

Quando qualcosa appartiene alla leggenda non perderà mai il suo fascino e, nonostante gli anni, le emozioni che suscita saranno sempre le stesse. Dopo aver parlato della nave leggendaria per eccellenza, il Titanic, e della sua prossima ristrutturazione, è il momento di un’imbarcazione più piccola che sta subendo lo stesso trattamento ma che in quanto a fascino non ha niente da invidiare a nessuno. Stiamo parlando della Calypso la storica nave di Jacques-Yves Cousteau, il grande esploratore francese.

Cousteau si definiva modestamente un tecnico oceanografico, ma è stato un pioniere della navigazione, un amante della natura e specialmente di quella marina, e ha viaggiato senza paura in lungo e in largo per tutti i continenti. Il suo spirito originale si riscontrava anche nelle divulgazioni scientifiche delle sue scoperte, spesso osteggiato dagli accademici tradizionali.

La storia della Calypso è ricca di fascino, in origine costruita dalla Compagnia statunitense Ballard Marine Railway di Seattle, per conto della Royal Navy, dopo aver servito durante la seconda guerra mondiale è diventata un traghetto che collegava Malta e Gozo. Proprio dalla grotta che si trova a Gozo, prende il suo nome. Nel 1950, il milionario Guinness la comprò e la affittò a Cousteau a un prezzo simbolico per le sue ricerche.

Dopo anni di onorato servizio scientifico, nel 1996 una chiatta speronò per sbaglio la Calypso nel porto di Singapore, facendola affondare. Da quel momento venne trasferita nel bacino di Rochelle diventando un museo galleggiante.

Oggi grazie alla Cousteau Society che ha iniziato il processo di ristrutturazione si prepara a vivere una seconda vita. Francine Cousteau, la seconda moglie del Capitano, dopo aver trovato gli sponsor necessari, ha affidato i lavori a Patrice Quesnel, esperto del settore. Patrice sarà affiancato da Marco Cobau, ingegnere italiano con una rilevante esperienza internazionale per la costruzione e il restauro di imbarcazioni di pregio.

Accanto a miglioramenti nelle strutture, specialmente per quanto riguarda i motori, rimarranno intatte le parti storiche dell’imbarcazione, implementate da Cousteau in persona, come ad esempio la sala per le osservazioni subacquee: “La rimessa a nuovo della Calypso apre una nuova era per l’esplorazione marina“, ha detto Francine: “Stiamo ricevendo moltissime lettere ed email di persone entusiaste del fatto che, a vent’anni di distanza, il grande lavoro del Capitano sarà finalmente portato avanti”.

Immagine via YouTube