Da quest'anno in Olanda tutti i treni sfruttano esclusivamente l'energia eolica

Da quest'anno in Olanda tutti i treni sfruttano esclusivamente l'energia eolica

Che l’Olanda sia uno dei paesi europei più virtuosi per quanto riguarda l’attenzione all’ambiente non è certo una novità. Notizia di qualche tempo fa, emblematica, riguarda Giethoorn, un piccolo paese di appena 2600 abitanti che ha ridotto al minimo l’inquinamento, eliminando le strade.

O ancora, il progetto della foresta galleggiante a Rotterdam, inaugurato il 16 marzo dell’anno scorso. Sempre in questa città olandese si sta prendendo in considerazione l’ipotesi di utilizzare la plastica riciclata per la pavimentazione stradale.

Dall’inizio dell’anno nuovo, l’Olanda, però, ha già stabilito due primati. Entrambi riguardano le ferrovie del paese. La rete nazionale RTL Z ha diffuso la notizia che tutti i treni, e quando diciamo tutti intendiamo “il 100%”, sfruttano esclusivamente l’energia eolica per muoversi.

Il progetto, partito da qualche anno, prevedeva di raggiungere l’incredibile risultato nel 2018, ma—ed ecco l’altra impresa—ci si è arrivati con un anno di anticipo.

Nelle prime fasi del progetto si utilizzavano alcune centrali a gas per colmare una parte del fabbisogno. Già nel 2016 però l’energia eolica aveva raggiunto il 75%. Dall’inizio di gennaio, le aziende di trasporti, in collaborazione con la compagnia energetica Eneco, sono riuscite a ridurre l’aiuto delle centrali a gas fino allo 0.

L’energia che alimenta i treni olandesi proviene da una serie di parchi eolici di nuova costruzione che ha coinvolto anche alcuni paesi limitrofi dell’Unione Europea. Una metà si trova in Olanda, mentre l’altra è divisa tra il Belgio e la Scandinavia.

L’Olanda è il primo paese ad aver ottenuto questo straordinario risultato. Nel resto d’Europa sono comunque presenti treni elettrici, ma l’elettricità utilizzata per muoversi proviene spesso da motori a benzina. L’asticella innalzata dall’Olanda è molto alta, ma un esempio virtuoso del genere speriamo diventi un monito per gli altri paesi che hanno a cuore il tema dell’inquinamento.

Immagine via Flickr